Scrivere la fantascienza

Discussioni varie sulla fantascienza, temi tipici e sottogeneri
Avatar utente
jormungaard
Android
Android
Messaggi: 3336
Iscritto il: 23/09/2006, 7:36
Località: Gundersheim, piana di Ringsfjord
Contatta:

Scrivere la fantascienza

Messaggio da leggere da jormungaard » 22/11/2017, 16:50

Vi segnalo questo interessante articolo su come scrivere di fantascienza:

http://www.altrisogni.it/2017/11/raccon ... -consigli/
Immagine

Immagine

Avatar utente
dixit
Android
Android
Messaggi: 3552
Iscritto il: 23/09/2006, 18:31

Re: Scrivere la fantascienza

Messaggio da leggere da dixit » 22/11/2017, 18:00

Molto stringato, direi, però.

Avatar utente
jormungaard
Android
Android
Messaggi: 3336
Iscritto il: 23/09/2006, 7:36
Località: Gundersheim, piana di Ringsfjord
Contatta:

Re: Scrivere la fantascienza

Messaggio da leggere da jormungaard » 22/11/2017, 18:03

Devi scorrere fino in basso la pagina, però.
Immagine

Immagine

Avatar utente
dixit
Android
Android
Messaggi: 3552
Iscritto il: 23/09/2006, 18:31

Re: Scrivere la fantascienza

Messaggio da leggere da dixit » 22/11/2017, 19:19

Ancora troppo sintetico... :D

Avatar utente
Massimo Baglione
Administrator
Administrator
Messaggi: 7067
Iscritto il: 22/09/2006, 8:12
Località: aznediseR
Contatta:

Re: Scrivere la fantascienza

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 22/11/2017, 20:10

Letto.
Beh, che dire: sono "ovvietà" che purtroppo sempre di meno vengono seguite, quindi bene che vengano ribadite.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Marco Signorelli
Android
Android
Messaggi: 1752
Iscritto il: 21/10/2010, 10:03
Contatta:

Re: Scrivere la fantascienza

Messaggio da leggere da Marco Signorelli » 23/11/2017, 9:28

interessante... anche l'articolo sui ventuno errori da evitare.
cito un pezzettino "H = High Stakes (troppo bassi) – prendo in prestito un’espressione inglese (concedetemelo, trovare una parola italiana con l’H era un po’ difficile) che si potrebbe tradurre come una “posta in gioco elevata”. Questo sta a significare che, a volte, ciò che penalizza una storia non è tanto la mancanza di bravura dell’autore, quanto il fatto che la posta in gioco non sia abbastanza alta per catturare l’attenzione del lettore: un eroe che deve salvare il mondo ha un impatto emotivo molto più forte di un tizio che deve ritrovare il suo bottone perduto (basta cambiare camicia per risolvere il problema)."

Però...
Hilldebrand aveva perso un bottone della camicia. Non se ne capacitava. Lo cercò e ricercò per tutta la mattinata così fece tardi al lavoro. E l'asteroide GK 25689 centrò la Terra. Il bottone si fuse con il resto della crosta terrestre.

Rispondi