L’esperimento: la fine

Qui ci sono tutti i microracconti che stanno partecipando alle selezioni per il nuovo ebook MicroNASF.

Moderatori: dixit, daniele missiroli

voto

1
0
Nessun voto
2
0
Nessun voto
3
0
Nessun voto
4
0
Nessun voto
5
0
Nessun voto
6
0
Nessun voto
7
2
33%
8
3
50%
9
1
17%
10
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Avatar utente
Maria E.
Card
Card
Messaggi: 65
Iscritto il: 24/10/2023, 12:04

L’esperimento: la fine

Messaggio da leggere da Maria E. »

L’esperimento: la fine

Gli Elementi capirono che l’umanità non era pronta; badavano solo alle cose materiali, ai brand e alla popolarità su ambigue piattaforme online.
Loro, invece, superato questo duemila anni fa, ne erano un po’ nostalgici; nonostante ciò, pensarono che gli umani fossero già in grado di elevare la loro luce, in cambio del loro contenitore deperibile. Si resero conto di averli sopravvalutati e, delusi, riavvolsero il tempo al momento 0, scomparendo con la loro luce.
Ultima modifica di Maria E. il 30/11/2023, 14:47, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Sillogia 35
Robot
Robot
Messaggi: 427
Iscritto il: 20/08/2014, 10:24

Re: L’esperimento: 4 - la fine

Messaggio da leggere da Sillogia 35 »

Qualche dubbio sulla tua chiusura: di che cosa erano nostalgici?
Si sono affrancati da duemila anni rispetto a un mondo simile al nostro che, a loro dire, non ci permetterà di evolvere e, quindi, perché dovrebbero provare nostalgia di quello che poi ci ha condannato a un reboot?
Mi è comunque piaciuto l'iter narrativo del tuo esperimento NASF :-)
Avatar utente
Maria E.
Card
Card
Messaggi: 65
Iscritto il: 24/10/2023, 12:04

Re: L’esperimento: 4 - la fine

Messaggio da leggere da Maria E. »

Ciao! Grazie per il tuo commento e per la tua valutazione. Erano nostalgici del fatto che gli umani vivessero senza le responsabilità che loro, invece, avevano. "da grandi poteri derivano grandi responsabilità". è molto comodo e facile vivere senza sapere, l'ignoranza è anche un rifugio dove non sentire dolore. Più l'uomo è cosciente e consapevole e più la sofferenza aumenta. Diciamo che ne erano nostalgici un po' come noi siamo nostalgici della nostra infanzia, spensierata, senza problemi "da adulti", senza il carico di dover amministrare e gestire la nostra vita. (m è una metafora ovviamente)
Il reboot viene effettuato in quanto si devono fare molti tentativi in un esperimento affinchè l'esperimento stesso riesca. Con loro ha funzionato ma, in un modo diverso. Le scelte, essendo soggettive, portano a diversi risultati, diverse applicazioni.
Interessante, a tal riguardo, anche L'esperimento di Asch, che consiglio di leggere sulla soggettività di una scelta.
Per riassumere cito:
Tra conferma e falsificazione c’è asimmetria logica: nessuna quantità di evidenze può confermare definitivamente una teoria; basta invece una sola osservazione contraria a smentire una ipotesi scientifica: «Nessuna quantità di esperimenti potrà provare che ho ragione; basta invece un solo esperimento a provare che ho sbagliato» (Albert Einstein).
Avatar utente
daniele missiroli
Android
Android
Messaggi: 1502
Iscritto il: 03/03/2015, 13:56
Località: Bologna
Contatta:

Re: L’esperimento: 4 - la fine

Messaggio da leggere da daniele missiroli »

Confermo l'asimmetria.
Qualsiasi affermazione logica è vera (la si prende per) fino a prova contraria.
Che in molti casi è arrivata e ha permesso di aggiornare l'affermazione.
Vedi Einstein e Newton. ::)
Avatar utente
daniele missiroli
Android
Android
Messaggi: 1502
Iscritto il: 03/03/2015, 13:56
Località: Bologna
Contatta:

Re: L’esperimento: 4 - la fine

Messaggio da leggere da daniele missiroli »

Giocando col tempo non si arriva mai alla fine. :D
Rispondi