Pagina 1 di 1

Sante l'emigrante.

Inviato: 12/10/2015, 13:51
da alberto tivoli
Le stelle risplendevano nelle folate di vento ricche di campagna all’ammoniaca. E vorticavano, le stelle nel cielo, vorticavano intorno a un polo affetto da precessione accelerata che Sante si sforzava di mantenere allo zenit.
- Porcaccia! – disse, e ingollò la grappa dall’ultima bottiglia rimasta.
- Nostalgia di casa? – chiese il simbionte della foresta.
- Sei un dritto tu, non ti puoi staccare. Te ne prendi cura – rispose Sante.