Retrocausalità- Ricci Giuliana

Sezione dedicata agli incipit di LTL12

Moderatori: dixit, daniele missiroli

Ricci Giuliana
Calculator
Calculator
Messaggi: 168
Iscritto il: 19/05/2013, 10:58

Retrocausalità- Ricci Giuliana

Messaggio da leggere da Ricci Giuliana »

Illusione? Follia? Forse.
I colleghi di Alain lo avevano sempre definito un mezzo pazzoide. Trovavano interessanti le sue ipotesi scientifiche ma bizzarre e argomentabili solo in discussioni di Fisica Teorica. Alle sue spalle, sorridevano degli sforzi da lui compiuti per dare un risvolto pratico a tali idee. Così aveva tenuto nascosto quel suo ultimo progetto, quello che lo avrebbe fatto definitivamente sprofondare nel più oscuro abisso del ridicolo.
Stavolta era proprio fuori dalle righe!
Nonostante l'evidenza, per lui il tempo non procedeva in un'unica direzione. Giorno dopo giorno, gli uomini constatavano il progredire di una linea che si estendeva dalla nascita alla morte, dal passato al futuro. Tutti erano vittima di questa geometria dell'esistenza, universo compreso.


PS: mi dispiace essere arrivata quasi alla scadenza ma, restando in termini di tempo, in questo periodo non ho un attimo di respiro.

Avatar utente
Sillogia 35
Robot
Robot
Messaggi: 358
Iscritto il: 20/08/2014, 9:24

Re: Retrocausalità- Ricci Giuliana

Messaggio da leggere da Sillogia 35 »

Un classico, lo scienziato incompreso :confused2: . Ci morderemo i gomiti nell'attesa di scoprire la nuova "geometria dell'esistenza".
:icon_cyclops_ani:
Non mi convince solo la prima riga: personalmente inserirei una "," dopo follia oppure "..." prima di forse.

Avatar utente
Marco Signorelli
Android
Android
Messaggi: 1770
Iscritto il: 21/10/2010, 10:03
Contatta:

Re: Retrocausalità- Ricci Giuliana

Messaggio da leggere da Marco Signorelli »

Anche a me non convincono... Illusione e follia cosa?
Nel resto del'incipit si dice che, dal punto di vista teorico, sono idee che anche gli altri considerano bizzarre, ma che entrano nel mondo delle argomentazioni teoriche [i viaggi nel tempo sono teoricamente ipotizzati per dare coerenza alle equazioni di secondo grado, spannometricamente parlando], per cui non serve ribadirlo all'inizio.... ma non vedendo il resto è solo una impressione.

Avatar utente
Cenwyn
Robot
Robot
Messaggi: 336
Iscritto il: 31/03/2014, 21:49

Re: Retrocausalità- Ricci Giuliana

Messaggio da leggere da Cenwyn »

Probabilmente Alain si comporta in modo poco ortodosso anche negli altri aspetti della propria vita...
Quanto scritto sopra è irrilevante.

Avatar utente
Massimo Baglione
Administrator
Administrator
Messaggi: 7464
Iscritto il: 22/09/2006, 8:12
Località: aznediseR
Contatta:

Re: Retrocausalità- Ricci Giuliana

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Questo pezzo ho dovuto rileggerlo perché non capivo:
"Nonostante l'evidenza, per lui il tempo non procedeva in un'unica direzione. Giorno dopo giorno, gli uomini constatavano il progredire di una linea che si estendeva dalla nascita alla morte, dal passato al futuro."
In prima lettura sembra infatti che gli uomini siano d'accordo con Alain.
Dopo "direzione" modificherei l'inizio della seconda frase così:
"Gli Uomini, invece, da sempre constatavano... "
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Ricci Giuliana
Calculator
Calculator
Messaggi: 168
Iscritto il: 19/05/2013, 10:58

Re: Retrocausalità- Ricci Giuliana

Messaggio da leggere da Ricci Giuliana »

Accogliendo i vostri suggerimenti ho modificato l'incipit e ho messo un pezzettino in più:

Illusione? Follia? Forse.
I colleghi di Alain lo avevano sempre definito un mezzo pazzoide. Trovavano interessanti le sue ipotesi scientifiche ma bizzarre e argomentabili solo in discussioni di Fisica Teorica. Alle sue spalle, sorridevano degli sforzi da lui compiuti per dare un risvolto pratico a tali idee. Così aveva tenuto nascosto quel suo ultimo progetto, quello che lo avrebbe fatto definitivamente sprofondare nel più oscuro abisso del ridicolo.
Stavolta era proprio fuori dalle righe!
Il tempo, questa dimensione sfuggente, sembrava procedere in un'unica direzione. Giorno dopo giorno, gli uomini constatavano il progredire di una linea che si estendeva dalla nascita alla morte, dal passato al futuro. Tutti erano vittima di questa geometria dell'esistenza, universo compreso.
Alain non lo credeva.

Altri dubbi sono spiegati nel resto del testo. provvedo alla rispedizione del racconto.

Rispondi