Il visitatore

Qui potete inserire qualche vostra opera, per condividerla con tutti gli altri iscritti del forum.
Avatar utente
Marco Alfaroli
Calculator
Calculator
Messaggi: 172
Iscritto il: 28/12/2013, 8:52
Località: Pisa
Contatta:

Il visitatore

Messaggio da leggere da Marco Alfaroli » 30/03/2018, 18:19

Il primo extraterrestre è giunto sulla Terra due giorni fa. Le autorità del Perù non hanno fornito informazioni sul veicolo che lo trasportava, ma fonti attendibili confermano che si trattava di un non-veicolo. In pratica una membrana a consistenza variabile che ha protetto il corpo durante la traversata cosmica.
È arrivato da noi chiuso in una crisalide, l’attrito con l’atmosfera terrestre l’ha fatto incendiare e alla fine ha impattato il suolo creando un notevole cratere.
È differente da noi, è mostruoso, repellente... eppure il suo organismo in qualche modo ci somiglia.
È chiaro che proviene da un mondo che ha le stesse condizioni atmosferiche, climatiche e di pressione del nostro.
Gli scienziati peruviani tengono il soggetto in quarantena e moltiplicano gli sforzi per stabilire un contatto comunicativo con lui.
Intanto i governi del mondo, in particolare gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, fanno pressioni sul governo del Perù affinché condivida ogni possibile scoperta scientifica.
Cavolo! Dopo tutti i film di fantascienza che abbiamo visto, dopo gli innumerevoli attacchi alieni a NewYork e qualcuno anche a Mosca, il primo extraterrestre in arrivo proprio in Perù doveva andare a cadere?
Non c’è più religione, anzi: non c’è più fantascienza!

Avatar utente
Antonio Telestie
Byte
Byte
Messaggi: 14
Iscritto il: 03/04/2018, 21:21
Contatta:

Re: Il visitatore

Messaggio da leggere da Antonio Telestie » 06/04/2018, 20:48

Un buon inizio per una storia grande che verrà.

Avatar utente
Marco Alfaroli
Calculator
Calculator
Messaggi: 172
Iscritto il: 28/12/2013, 8:52
Località: Pisa
Contatta:

Re: Il visitatore

Messaggio da leggere da Marco Alfaroli » 08/04/2018, 9:21

Speriamo! Anche per il Perù sarebbero soddisfazioni...
Grazie per l'incoraggiamento, Antonio.

Rispondi