Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Qui potete inserire qualche vostra opera, per condividerla con tutti gli altri iscritti del forum.
tuqiri73
Chip
Chip
Messaggi: 56
Iscritto il: 11/03/2013, 18:06
Località: Milano

Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da tuqiri73 » 02/04/2013, 13:21

TRA NOI

Anthony capì subito che qualcosa non andava. John non aveva preparato la cena, come faceva di solito, ed era seduto sul divano con un bicchiere di whiskey. Non beveva mai da solo.
“Ciao John, qualcosa non va?”
“Ciao Anthony, dimmelo tu.”
- allora è proprio brutta – pensò Anthony.
“Non parlare per enigmi, che vuoi dire?”
“Tony, lì ci sono le tue analisi. Ero in ansia e le ho aperte.”
“Quindi?”
“Stai benissimo. Ma al laboratorio ho fatto fare anche le analisi del dna. Doveva essere una sorpresa, per cominciare le pratiche per l’adozione. Sai che il nuovo protocollo lo prevede.”
“Cosa stai cercando di dirmi?”
John lo fissò per un momento senza parlare.
“Come hai potuto prendermi in giro per tutto questo tempo? Chi sei? Cosa diavolo sei?”
Anthony impallidì. “Non ti ho mai preso in giro Johnny, mai da quando ci conosciamo.”
“Cazzo Antony smettila, il tuo dna non è umano, santo iddio, te ne rendi conto? Con chi sto vivendo da tre anni, con cosa sto vivendo?”
“Guardami negli occhi Jonny. Stai vivendo con me, un essere che ti ama. Cosa cambia se sono leggermente diverso?”
“Leggermente diverso? Io non so neanche cosa tu sia. Mi hai mentito. Sono terrorizzato, te ne rendi conto? Non volevo neanche tornare a casa. Ho pensato di chiamare la polizia, o addirittura di comprare una pistola. Cosa sei, si può sapere? Perché sei qui? Perché non hai documenti di soggiorno?”
John vide la disperazione dipingersi negli occhi di Antony, una disperazione talmente umana. “Perché non mi dici che le analisi sono sbagliate? Perché non scoppi in una delle tue risate? Dimmi che le analisi sono sbagliate Tony.”
Antony scosse la testa lentamente, con un sorriso amaro dipinto sul volto.
“Io non sono umano, ma allo stesso tempo lo sono.”
“Non raccontarmi stronzate. Per rispetto verso quello che c’è stato in questi tre anni, anche se non so più cosa hanno significato per te.”
“La stessa, identica, meravigliosa, storia d’amore che è stata per te Jonny.”
“Ma tu sei qualcosa di diverso, lo capisci? Dimmi chi sei. Mostrami cosa sei! Anche se significherà la fine di tutto.” John urlava ora, paonazzo.
“Proprio tu mi accusi per la mia presunta diversità? Con quello che hai subito al college? Con quello che abbiamo subito insieme più di una volta? Ti sto raccontando la verità. Calmati, ti prego, e ascoltami.
Appartengo a una razza molto antica, che si è dispersa milioni di anni fa, ed evoluta, dopo millenni, in un modo che ci farà sopravvivere a qualsiasi evento. Ci chiamiamo Omolok, ma non c’è un noi e un altri, è questo che devi capire.”
“Basta cazzate. Quanti siete, cosa volete?”
“Io non lo so John, credimi. Non so quanti siamo su Io, né su Giove, né nella maledetta galassia. La nostra specie, studiando l’estinzione di migliaia di altre, ha fatto in modo di diventare tutte le altre, in maniera da sopravvivere a qualsiasi guerra, malattia, stella che si esaurisce..”
“Siete una specie di parassiti insomma. Anche tu..”
“No John. Non ci nutriamo né appoggiamo in alcun modo alle altre creature. Viaggiamo per l’universo come organismi dormienti, finchè non incontriamo un pianeta abitato dove poterci svegliare. Ma non lo invadiamo. Siamo singoli individui. Abbiamo perso ogni ricordo o esperienza di cosa eravamo. Noi diventiamo ciò che incontriamo, uomo o qualsiasi altra razza aliena, per usare il vostro vocabolario.”
“Va bene Antony, se è il tuo vero nome. Ma come fai a non sentirti un imbroglione? Come funziona quando ti svegli?”
“Certo che mi chiamo Antony. Noi seguiamo la normale evoluzione della specie che incontriamo. Così io sono nato da una donna. Se fossi stato in un mondo in cui si nasce per divisione cellulare, sarei nato così. Io non mi sento un imbroglione, mi sento umano quanto te Jonny. Tutto quello che sai del mio passato è reale. ”
“Ma come potete avere un’identità? Come potete essere voi stessi, essendo altro?”
“Non ragionare con categorie umane. La nostra identità è essere ciò che ci circonda. Per noi non c’è altro. So che non è facile comprendere.”
“Io..io..Dio santo, perché non me l’hai detto?”
“Perché sarebbe stato perfettamente inutile. Inutile perché io sono umano quanto te Jonny, se non per qualche sequenza elicoidale leggermente diversa.”
Antony avanzò verso il tavolo dov’era seduto il compagno. John si irrigidì, ritraendosi verso le schienale.
“Non puoi avere paura di me.”
“Invece ce l’ho. Scusami Tony, ma non sono più sicuro di chi ho davanti. Sei tu, il solito dolce e intelligente Tony, ma allo stesso tempo non lo sei.”
“Vedi John, se tu mi sparerai, io morirò. Se tu continuerai a vivere con me, fino alla fine dei nostri giorni, come spero, mi vedrai morire di vecchiaia. O per una malattia. Una malattia umana. Mi vedrai perché sono sicuro che me ne andrò prima di te, ti amo troppo perché avvenga il contrario, non lo sopporterei. Capisci fino a che punto sono uguale a te? Non viviamo una vita diversa dalla vostra, non siamo immortali. O meglio, se qualche Omolok è nato o nascerà tra degli immortali, anche lui lo è o lo sarà probabilmente. Ma io non lo invidio, non mi interessa, io sono un uomo.”
“Perché mantenete questo ricordo allora, questa percezione? Perché sai di essere qualcosa di leggermente diverso, come dici tu?”
“Questa è una gran bella domanda Jonny. Sapessi quante volte me la sono fatta. Ho provato a darmi un paio di risposte. La prima è che, a volte, in alcune civiltà, com’è successo oggi tra noi, possiamo essere riconosciuti. E sarebbe troppo complicato scoprirlo così, troppo scioccante.
La seconda è che forse, un giorno, la nostra evoluzione prenderà un’altra strada, e ritorneremo ad avere tutti la stessa forma. Perciò è necessario mantenerne almeno un concetto, per quanto lontano, nel pensiero di ogni Omolok disperso per l’universo. Per quanto, per quello che ne so io, al momento non siamo nemmeno in grado di riconoscerci.”
“O forse non ne hai incontrato nessuno.”
“O forse non ne ho incontrato nessuno, certo.”
John guardò lontano, oltre il balcone. Giove, splendido e immenso, incombeva oscurando l’intero orizzonte.
“E se arrivasse uno come te. E vi riconosceste?”
“Non lo so John, è un’eventualità così assurda. Dove vuoi arrivare?”
“Se scoprissi che sei fatto per lui. Per lei. Insomma, hai capito.”
“John. A questo stai pensando?”
“Certo Tony. Più a questo che a qualsiasi altra cosa. Non so bene cosa sei. Ma so bene chi sei. Ci metterò un po’ a digerirla, ma so cosa provo per te, so come ti prendi cura di me, so quanto mi stimi e quanto io stimo te.”
“Oh Jonny..”
“Lasciami finire. E non voglio che un bastardo ti porti via solo perché rispetto a me ha un dna più simile al tuo, capisci? Io sono la tua anima gemella. Io Tony, e nessun altro, stronzo di un alieno.”
Antony aveva il sorriso più bello e stravolto che gli si fosse mai dipinto in faccia. Afferrò le mani di John, che lo fissava con occhi arrossati. “Non mi interessa assolutamente incontrare nessun altro Omolok, o Arturiano, o Centauriano, o nessuna di quelle altre razze che conosciamo. Che conosciamo noi uomini, Jonny. Tu sei l’unico essere che amo, per quanto dotato di tutti i peggiori difetti della razza umana.”

quaesitor
Android
Android
Messaggi: 1512
Iscritto il: 17/01/2012, 0:51
Località: Montecchio Emilia (RE)

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da quaesitor » 02/04/2013, 13:34

Mi dispiace non potertelo commentare perché faccio parte della Giuria e sarebbe come rivelarti i motivi della tua esclusione, cosa che non ci possiamo permettere rischio flame (non dico che tu lo faresti, ma se anche solo una testa calda la prende male è finita).

Ci sono delle potenzialità, comunque.

tuqiri73
Chip
Chip
Messaggi: 56
Iscritto il: 11/03/2013, 18:06
Località: Milano

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da tuqiri73 » 02/04/2013, 13:44

Non ti preoccupare quae, capisco perfettamente.
E io stesso avverto qualcosa di "non finito", non so se mi spiego, insomma l'idea, buona secondo il mio modesto parere di neofita della fantascienza, andava sviluppata meglio nel racconto, ma purtroppo non ci sono riuscito, capita. Proprio per quello l'ho messo qui. ;-)
Grazie

Avatar utente
Marco Signorelli
Android
Android
Messaggi: 1741
Iscritto il: 21/10/2010, 10:03
Contatta:

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da Marco Signorelli » 02/04/2013, 13:51

non essendo nella giuria non ho problemi di flames:

Il racconto è piacevole, l'idea è interessante. Il tipo di tecnica che hai utilizzato rischia di essere faticosa da seguire e rende piuttosto "piatto" il pathos narrativo.
Andrebbero rivisti i pochi elementi descrittivi per creare un legame più forte con il lettore.

:-D ma questo è solo il mio parere.

Avatar utente
carlo
Administrator
Administrator
Messaggi: 4874
Iscritto il: 22/09/2006, 14:46
Contatta:

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da carlo » 02/04/2013, 14:01

grazie per averlo postato tuq

tuqiri73
Chip
Chip
Messaggi: 56
Iscritto il: 11/03/2013, 18:06
Località: Milano

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da tuqiri73 » 02/04/2013, 14:03

Marco Signorelli ha scritto:non essendo nella giuria non ho problemi di flames:

Il racconto è piacevole, l'idea è interessante. Il tipo di tecnica che hai utilizzato rischia di essere faticosa da seguire e rende piuttosto "piatto" il pathos narrativo.
Andrebbero rivisti i pochi elementi descrittivi per creare un legame più forte con il lettore.

:-D ma questo è solo il mio parere.
e ne tengo conto, come di quello di tutti. Rileggendolo, infatti, non mi "prendeva", com'era stato per l'idea iniziale. Ma non ho trovato un altro modo per metterlo giù. Cosa intendi quando parli di tecnica? Avresti eliminato il discorso diretto tra i protagonisti o cosa?
Effettivamente di solito descrivo parecchio, qui l'ho fatto pochissimo.
Ti ringrazio Marco

tuqiri73
Chip
Chip
Messaggi: 56
Iscritto il: 11/03/2013, 18:06
Località: Milano

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da tuqiri73 » 02/04/2013, 14:05

carlo ha scritto:grazie per averlo postato tuq
grazie a te Carlo, x 'sto giro fratello di esclusione! :o

Avatar utente
Marco Signorelli
Android
Android
Messaggi: 1741
Iscritto il: 21/10/2010, 10:03
Contatta:

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da Marco Signorelli » 02/04/2013, 15:15

per tecnica intendo proprio l'uso del discorso senza altro attorno. Scrivendo è complicato dare la giusta "intonazione" delle frasi. Ritengo che sia un sistema valido, soprattutto in un ltl che è nato per sperimentare.
Secondo me se lo lasci un poco da parte e lo riprendi tra un mesetto vedrai che trovi il tono giusto; ora come ora ti serve dimenticarlo e trovare quella stonatura che percepisci anche tu :D.

Avatar utente
Pardan
Robot
Robot
Messaggi: 300
Iscritto il: 15/06/2012, 15:54
Località: Parma

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da Pardan » 02/04/2013, 15:44

Sono d'accordo con Marco; l'idea è buona e varrebbe la pena continuare, però il dialogo a botta e risposta alla lunga annoia, perché così sei costretto a metterci tutto lo spiegone, il malefico infodump. Secondo me sarebbe un pochino da rivedere il modo di scoprire l'alieno, perché in una colonia su Giove se si scoprono tracce di DNA alieno non ci si limita a consegnare il dischetto all'interessato con tanti saluti, no? Magari il tipo ha cancellato i dati dal computer centrale e li ha riscritti, chissà ;)
E' buona l'idea di una razza in grado di vivere in reale simbiosi con altre, interessante aver scelto una coppia omo, si vede che hai cercato di modulare le reazioni e i sentimenti del protagonista dalla rabbia e dalla paura all'accettazione sulla base della loro relazione amorosa.
Spero di ricevere commenti e critiche anche sul mio raccontino, perché si impara così, e noi stiamo imparando, no?
Ciao

Avatar utente
zio chester
Robot
Robot
Messaggi: 458
Iscritto il: 17/09/2010, 9:35

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da zio chester » 02/04/2013, 15:54

Affidando al dialogo tutto il peso della storia si rischia di appesantirlo e renderlo irrealistico. A quel punto l'idea, per quanto buona possa essere, viene sommersa dal fastidio del lettore.

tuqiri73
Chip
Chip
Messaggi: 56
Iscritto il: 11/03/2013, 18:06
Località: Milano

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da tuqiri73 » 03/04/2013, 8:33

@pardan: grazie! il tuo è tra i vincitori, vero? lo cercherò.
@zio Chester: addiruttura fastidio. :-( Capisco eh, infatti non avevo mai scritto un racconto "tutto dialogo". Come consigliatomi - grazie Marco Signorelli - , lo lascerò un po' ad invecchiare, per poi rimetterci mano - temo non migliorerà da solo come il vino in una buona cantina -

Avatar utente
zio chester
Robot
Robot
Messaggi: 458
Iscritto il: 17/09/2010, 9:35

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da zio chester » 03/04/2013, 8:47

Per "fastidio" del lettore intendo tutto un insieme di probabili reazioni al testo, anche soggettive.
Credo sia meglio riassumere lo stato d'animo di un personaggio descrivendone un particolare fisico e/o emotivo e psicologico piuttosto che renderlo in frasi che in realtà nessuno pronuncerebbe in un vero dialogo.

L M Boretti
Byte
Byte
Messaggi: 9
Iscritto il: 03/05/2012, 9:54
Località: Imola

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da L M Boretti » 03/04/2013, 8:53

tuqiri73 ha scritto:lo lascerò un po' ad invecchiare, per poi rimetterci mano - temo non migliorerà da solo come il vino in una buona cantina -
Non sottovalutare l'"invecchiatura"(scusa per l'apostrofo e le vigolette siamesi) funziona, io stesso sto scrivendo quattro storie insieme(solo di scifi) apposta per poter far lavorare la mente su altro così poi quando lo rileggerò mi verrà fuori uno stile migliore e trovo anche un sacco di errori di punteggiatura(maledetta punteggiatura).
Se avessi tenuto una versione precedente ti farei leggere la differenza, magari la prima volta scrivi di getto o per ispirazione e poi, quando ci torni, scrivi in un italiano migliore(o solo in italiano come capita a me :( ) ma apmeno per me la differenza è parecchia e di solito in meglio(ammetto che è capitato che scrivessi una cosa poi riscrivendola non fosse più nella stessa lingua, o in una qualsiasi, rendendo il tutto incomprensibile)
Abbi fiducia!
Io non sono un mostro,combatto per quello in cui credo e per difendere chi amo,e se per fare qusto dovrò uccidere decine o centinaia di esseri umani lo farò perchè nulla è più importante della mia luce. Devil. Executor LMB

Avatar utente
Pardan
Robot
Robot
Messaggi: 300
Iscritto il: 15/06/2012, 15:54
Località: Parma

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da Pardan » 03/04/2013, 9:12

tuqiri73 ha scritto:@pardan: grazie! il tuo è tra i vincitori, vero? lo cercherò.
@zio Chester: addiruttura fastidio. :-( Capisco eh, infatti non avevo mai scritto un racconto "tutto dialogo". Come consigliatomi - grazie Marco Signorelli - , lo lascerò un po' ad invecchiare, per poi rimetterci mano - temo non migliorerà da solo come il vino in una buona cantina -
Sì, stavolta sono passata, l'altro tentativo, con Seeds, è stato bocciato, e avevo chiesto a un'amica di farmi il disegno :(

Volevo far notare quanto incide la scelta delle parole scritte: se zio Chester avesse usato un altro termine ti avrebbe infastidito meno, no? ;)

Quello di lasciar sedimentare il racconto è un buon consiglio.
Intanto la nostra testa lavora, per es leggendo cose scritte da altri, e leggendole in un certo modo, cioè focalizzandosi sulla tecnica.
Pensare di nascere imparati e che una bella trama dica già tutto è una boiata pazzesca.
Prendi la trama dei Promessi Sposi (non fare quella faccia): lui ama lei, stanno per sposarsi, ma un cattivo li separa: mica un gran che, no? Però il Sandro ne ha fatto un capolavoro, con racconti incastonati come gioielli, tipo quello della monaca di Monza, la conversione dell'Innominato, la peste ecc. Però anche lui ha scritto, cancellato e riscritto (i panni sciacquati in Arno), quindi ci possiamo consolare ;D
Un'altra perla di saggezza poi vado a lavorare, va': se vuoi figurare bene come scrittore dilettante ogni tanto butta lì "show, don't tell", che è un ottimo consiglio pratico e dimostra che sei sgamato; a parte gli scherzi è importante soprattutto per chi scrive sf o fantasy oppure horror far agire i personaggi invece di farli chiacchierare che fa tanto romanzo intimista :sleepy1:

Avatar utente
carlo
Administrator
Administrator
Messaggi: 4874
Iscritto il: 22/09/2006, 14:46
Contatta:

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da carlo » 03/04/2013, 17:51

han ragione pardan e boretti, l'invecchiatura del testo spesso è utilissima, ci si rende conto dei limiti, degli errori, e di come migliorare, rileggendo il proprio testo dopo qualche mese, molto più che dopo qualche giorno.

tuqiri73
Chip
Chip
Messaggi: 56
Iscritto il: 11/03/2013, 18:06
Località: Milano

Re: Tra noi - racconto di Tomas Carosella bocciato in Unseen

Messaggio da leggere da tuqiri73 » 04/04/2013, 8:26

infatti aspetterò un po'! :-)
Ringrazio tutti, effettivamente alcune battute del dialogo suonano davvero inautentiche, ma non sono riuscito a fare di meglio. Tra un mesetto lo riprendo in mano e vediamo! 8)

Rispondi