Maria Crisitina Buoso

le vostre biografie letterarie
Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Maria Crisitina Buoso

Messaggio da leggere da carlo » 27/05/2004, 1:53

BUOSO MARIA CRISTINA
Email: mcandrea1@virgilio.it
Attivit? letterarie: Poesie, fiabe, sceneggiature, copioni, racconti, romanzi, gialli ecc.
Socia del sindacato nazionale scrittori.

PUBBLICAZIONI E PREMI

? 1994 ho pubblicato un libro di poesie ?Parliamone? che ha vinto il primo premio ex-equo del Concorso Internazionale ?Navarro? indetto dal Lions Club Sambuca-belice nel 1995.
? 1996 il racconto ?Riflessi? ha vinto il secondo premio nella sez. narrativa, organizzato dall?Associazione A.L.I.A.S. in Melbourne ? Australia. Il racconto ?Petali? ha vinto il primo premio nella sez. di narrativa nel concorso ?scriviamo un libro insieme? indetto dalla Rivista Penna d?Autore di Torino. Ecc?.
? 1997 una silloge di poesie ? entrata in finale nella edizione Premio Editoriale di poesia ?Book?;
- una poesia ? stata inserita nell?antologia ?Voci dell?anima? del Premio letterario ?Il Mulinello? del comune di Rapolano Terme;
due poesie sono state incluse nella collana ?Antologie? nel volume ?Scritture e percorsi? Ed. Tracce;
- un breve pezzo ? stato pubblicato nel n. 26 di Storie;
- Ho vinto il terzo premio nel Concorso Letterario ?Joutes Alpines? dell?Associantion Rencontres Italie Annecy (Francia) per la Sez. Prosa (Italia) con il racconto ?Il vecchio album?;
- Il racconto ?Agonia? ha ricevuto la Menzione d?onore nel Concorso Letterio Internazionale A.L.I.A.S;
- Il romanzo ?Amaryllis? ? stato finalista nella 2^ edizione del Premio Penna d?Autore d?Oro nella Sez. Narrativa Int.;
- Alcune poesie sono state inserite nell?antologia ?L?Anima della poesia?, testo di supporto per le scuole medie inf. E sup. collana ?Le muse? ? Book ed. .ecc..
? 1998 il racconto ?!?IO!? ? entrato nella rosa dei finalisti del premio Citt? di Empoli, Domenico Re, II ^ ed. ;
- la poesia ?Nebbia? ? stata inserita nell?omonimo libro del Premio Letterario Nazionale ?Il Molinello?;
- una silloge di poesie ? stata inserita nel ?Il Calamaio? , un quaderno di poesia della Collezione di Letteratura ?Arianna? della Book ed. di Bologna;
- un racconto breve ? stato inserito nell?antologia ?La parola delle donne? ed. Tracce. Ecc..
? 1999 ? 2000 diversi lavori hanno ricevuto premi o segnalazioni e inserimenti in altre antologie e altri riconoscimenti di vario genere.
? 2001 per ben due anni conseguitivi alcune poesie sono state inserite in una mostra di pittura organizzata dalla biblioteca di Guarda Veneta;
- Il romanzo ?L?appuntamento ? ? stato tra i 20 finalisti del concorso della Demetra, ecc?

? 2002 il racconto ?Il bacio? ? stato inserito nel Nr. 24 della Rivista semestrale ?Il ventaglio? ed. La Torre, cultura e turismo (Ro);
- alcune racconti sono stati pubblicati presso il quotidiano ?Il Gazzettino? (la pagina dei lettori);
- sono stata tra i finalisti del Premio ?Navigando nelle parole? proposto tramite Internet da Poesia Contemporanea e pubblicata sull?antologia omonima Ed. Il Filo;
- un?altra poesia ? stata scelta dalla commissione di lettura inter. Della Casa Ed. Universum e inserita nella 9^ ed. dell?antologia ?Poeti e Scrittori d?Italia?;
- presso il sito www.rcs.it-rcslibri, Speaker?s corner ? ?angolo della poesia? tenuto da Carlo Trotta, sua recensione?..

? 2003 la poesia ?Neve? ? stata selezionata per l?antologia ?Navigando nelle parole? Vol. 8 Ed. Il Filo on line ? curato da Giulio Perrone;
- il racconto ?Petali? ? stato incluso nella I^ Ant. Di Nuovi Autori proposta dal sito Internet Nuovi Autori curata da Carlo Trotta. Ecc?


INCONTRI? 1996 nel mese di novembre sono stata invitata presso il Circolo C.I.E. di Milano, organizzati come ?salotti culturali?.
? 2000 sono stata invitata dagli Autori Polesani a presentare il mio libro ?Parliamone? nel pomeriggio dedicato all?incontro con l?autore.
? 2002 nel mese di maggio, sono stata invitata per una delle quattro serate organizzatedal comune di Porto Viro (RO) .

MENZIONI

1996 il libro ?Parliamone? riceve la Menzione Speciale nel premio Poesia Campania e una poesia la Menzione di Merito. IL libro ? stato segnalato nel premio Editoriale di poesia ?Book? 1996 promosso da Book ed. di Bologna e ha ricevuto una Segnalazione di Merito nella VII^ ed. del Premio Internazionale ?Il paese che non c??? di Milano.
- alcune poesie sono state inserite nell?antologia ?Il giro d?Italia delle poesie in cornice? ed. Club degli Autori; ?Fior da fiore? Ed. Golden Press ; Antologia di Penna d?Autore a cura di Nicola Maglione e nell?agenda Poetica ?97 ed. Joker.

- il racconto ?Petali? ha ricevuto l?Encomio solenne nel Premio Intern. Europa promosso dal Centro Incontri Europa di Milano.

1999 il romanzo ?Fermoposta? riceve (previa segnalazione) ?L?alto riconoscimento di successo internazionale 1999? e il primo capitolo viene inserito nell?Antologia di Letteratura Contemporanea Plurilingue ?Globus? Ed. Giovanni Campisi ? Trento.

2000 la poesia ?La cenere dei ricordi? riceve il conferimento dl diploma ?gran premio d?autore? e l?inserimento nell?antologia on-line nel sito digilander.iol.it/universalia. Delle Ed. Universum, mentre ?Prigione? ha ricevuto il diploma di ?una poesia per la vita?.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Maria Crisitina Buoso

Messaggio da leggere da carlo » 05/02/2007, 16:16

«Mi dispiace tanto,
ma lo devo fare...»
Erotismo e assassinio:
gli ingredienti del thriller
tutto al femminile
di Maria Cristina Buoso

L'incontro. Dipinti assassini è un romanzo della scrittrice Maria Cristina Buoso, terza uscita della collana La scacchiera di Babele delle Edizioni di LucidaMente. Proprio da un iniziale, occasionale contatto, si diramano le intricate vicende personali, umane, psicologiche ed esistenziali dei personaggi della vicenda, con i loro inattesi coni d'ombra, dominati da enigmi e palpiti sospesi o dilatati entro interstizi rivelatori.
A dominare la scena, soprattutto figure femminili, divise tra eros, arte e impegni quotidiani. E ancora una donna, l'ispettrice Ginevra Lorenzi, sarà chiamata a "sbrogliare la matassa".
Come assaggio, abbiamo scelto l'inizio del quarto capitoletto, un "rovente brano" che descrive uno dei tanti "incontri" amorosi disseminati nel libro, e la fine del quindicesimo, un omicidio compiuto con una singolare modalità.

Eva stava immobile davanti alla sua tela bianca, la mano appoggiata sopra e la mente rivolta alla mostra. Non riusciva a dormire. Troppi pensieri le ronzavano per la testa, si era alzata e aveva deciso di provare a dipingere. Quello sarebbe stato il primo quadro, da quando era ritornata a vivere in quella casa, che sentiva grande, fredda e vuota. Sentiva la mancanza di Leo, le mancava la violenza fisica di lui, ma anche i suoi consigli e il suo appoggio.
Forse le mancava semplicemente lui e questo la faceva sentire male dentro, ma anche tra le gambe il bruciore del suo abbandono era vivo e insopportabile. Con le lacrime agli occhi si mise il cappotto sopra il pigiama di seta e con le chiavi nella tasca uscì per andare da lui.
Non le importava di umiliarsi, voleva solo che la possedesse e che la facesse sentire di nuovo viva e desiderata.

Leo aveva fatto una doccia bollente e sentiva il corpo pronto a dare battaglia. La serata era stata molto produttiva, aveva venduto tutti i quadri al prezzo che aveva deciso, anche contro il parere del gallerista. Ma, diamine, lui era Leo Leopoldi e poteva permettersi di chiedere cifre così esose.
Aveva rivisto Eva.
Un paio di giorni prima le aveva chiesto di ritornarsene a casa sua. Non sprecava mai troppe parole quando chiudeva una relazione. Ma rivederla le aveva procurato un forte desiderio, non gli era mai successo prima con una storia finita. Dovette chiudersi nel bagno per una masturbazione veloce, e questo lo stupì. Forse la loro storia non si era ancora conclusa?
Doveva rifletterci.
Mentre indossava l'accappatoio, sentì il campanello suonare. Guardò automaticamente l'ora: le tre. Chi poteva essere? Accese la luce del corridoio e aprì la porta senza neppure chiedere chi fosse. Eva era ferma sulla porta, pallida e con gli occhi accesi come piacevano a lui, che avvertì nel basso ventre il desiderio impennarsi. Senza parlare la tirò dentro. Sul pavimento, con la porta rimasta aperta, fecero l'amore con violenza e rancore. Attorno, la notte continuava il suo lento percorso verso il mattino.
Si trasferirono nella camera da letto, qualche ora più tardi. Adesso, mescolata alla passione, c'era il piacere di far arrivare nello stesso momento anche l'altro all'amplesso finale. Un piccolo regalo che si facevano, dopo la foga selvaggia scaturita dall'essersi rivisti. Il tempo sembrava essersi fermato. Nessuno dei due pensò che appena qualche giorno prima tutto pareva finito.
Importava solo il presente.

[...]

Non riuscì a terminare la frase. Il dolore era troppo forte e poi aveva visto la sua espressione: era una maschera di colori e orrori, un miscuglio che lo paralizzò.
«Mi dispiace, veramente». La voce sembrava quella di una bambina impaurita obbligata a compiere un'azione perversa contro la sua stressa volontà. Sembrava un'altra persona, una invasata, una che non era [...] la donna che lo aveva stregato con la sua femminilità ambigua e giocosa. «Ma devo, io dipingo così quei quadri che ti piacciono tanto. Tu farai parte di uno di questi, sarai magnifico ed eterno. Ti farò bello perché è bello scopare con te».
Gli montò sopra e, mentre la vita di lui sfuggiva lontano, tra le sue gambe gli ultimi guizzi dell'uomo la rendevano felice.

(da L'incontro di Maria Cristina Buoso, Edizioni di LucidaMente)

L'immagine: Le due amiche (1923) di Tamara de Lempicka (1898-1980).

Claudia Mancuso

(LucidaMente, anno II, n. 4 EXTRA, supplemento al n. 14, 15 febbraio 2007)


by Claudia Mancuso

Rispondi