RUM

Consigli tra amici e resoconti dei viaggi, alberghi e ristoranti
Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

RUM

Messaggio da leggere da hombre sincero » 20/12/2009, 19:31

Credo proprio che sia così.
di seguito incollo una cosa trovata su wiki. Notare la parte riguardante l'invecchiamento,  blended o millesimato.

Salute a tutti.


Prima fase: Canna da zucchero
I germogli di canna da zucchero vengono piantati nel terreno più adatto alla specie, nei mesi compresi tra febbraio ed agosto. È molto importante che i germogli siano piantati nel momento più adatto al clima locale, per ottenere un elevato contenuto zuccherino, in modo che il succo destinato alla fermentazione possieda il minor materiale di scarto possibile. È invece abbastanza ininfluente, ai fini della produzione di rum, il tipo di terreno in cui la canna viene piantata. La pianta cresce naturalmente per almeno 12-18 mesi, raggiungendo i 3 metri d'altezza nelle aree tropicali e circa 1 metro d'altezza se piantata in zone subtropicali. La canna viene quindi raccolta, tagliandola alla base il più vicino possibile al terreno, poiché è li che si concentra la maggior parte del succo. La raccolta può essere manuale o meccanica.
Nell'arco di poche ore la pianta deve essere mandata alla macinazione, per evitare che questa si secchi e perda gran parte del succo. È qui che avviene la prima grande distinzione tra tipi di rum, le possibilità sono due:
Quanto estratto con la macinazione può essere destinato alla produzione di zucchero, i cui residui (la melassa) verranno poi inviati alla fermentazione, creando così un rum industriale. Oppure il succo estratto dalla canna con la frantumazione (vesou in francese, guarapo in spagnolo) può essere inviato direttamente alla fermentazione, non producendo zucchero. In questo modo si ottiene un rum agricolo.

Seconda fase: Fermentazione
La fermentazione consiste nell'aggiungere al succo di canna, o alla melassa, del lievito. In modo da traformare la parte zuccherina in alcol etilico, acidi, ed altri alcoli che verrano poi estratti con la distillazione. Utilizzando delle vasche, chiuse o aperte, la mistura viene lasciata fermentare per un minimo di 24 ore ad un massimo di 15 giorni, a seconda del tipo di rum che si vuole ottenere. In generale, con una fermentazione breve si ottiene un prodotto dall'aroma leggero, contenente pochi acidi e pochi residui organici pesanti. Con una fermentazione più lunga, anche senza arrivare ai 15 giorni, il prodotto ottenuto sarà un liquido contenente una più alta dose di alcoli, acidi, e residui. Di conseguenza sarà possibile distillare un rum molto corposo e dal sapore deciso, ad elevato contenuto di esteri.
Il processo di fermentazione se mal controllato può rovinare completamente la produzione, rendendo addirittura il prodotto nocivo se venisse creata un'esagerata dose di metanolo. Per questo tale processo viene gestito dai migliori maestri ed effettuato tenendo conto della temperatura e umidità dell'ambiente.

Terza fase: Distillazione
Per capire la distillazione bisogna precisare che esistono diversi tipi di alcol, alcuni più leggeri e dal sapore delicato e floreale, ed altri più pesanti dal sapore più deciso (cuoio, noci ecc). In pratica più pesante è l'alcol più il suo aroma è forte, fino a risultare sgradevole. Gli alcol più leggeri evaporano prima degli alcol più pesanti. Il processo di distillazione non fa altro che separare l'alcol dall'acqua e selezionare gli aromi che si desidera ottenere.
Esistono diverse varianti per la distillazione, dovute a diversi tipi di alambicchi che si sono sviluppati nei secoli. I principali tipi sono due: alambicco discontinuo e alambicco a colonna.
Quarta fase: Invecchiamento [modifica]
Il rum appena distillato è un liquido bianco trasparente, i cui aromi esistono ma non sono ancora facilmente distinguibili. Le botti tradizionalmente usate per il rum sono in legno di quercia americana, le quali vengono preparate carbonizzandone l'interno. Il distillato, ancora giovane, una volta nella botte penetra all'interno dei pori del legno, assumendone alcuni aromi, e rilasciando parte dell'alcol grazie alla respirazione della botte, che scambia i vapori del distillato con l'aria dell'esterno. Questo processo dà stabilità al distillato, eliminandone le parti più volatili e costruendo una bevanda dalla maggiore corposità, dall'aroma meglio definito. Durante il processo d'invecchiamento il distillato perde alcol, a volte fino al 10% ogni anno, obbligando il produttore a rabboccare le botti con altro distillato della stessa partita.

Ultima fase: Miscelazione
Una volta terminato l'invecchiamento il rum contenuti in botti diverse non hanno lo stesso aroma. Così come un rum prodotto in un anno può essere diverso dal rum di un altro anno, anche a parità d'invecchiamento. L'esigenza del produttore è di creare un'etichetta standard, in modo che il contenuto delle bottiglie sia sempre identico e della stessa qualità. L'addetto alla miscelazione conosce perfettamente come creare il giusto rum, conosce perfettamente i vari "ingredienti" che ha a disposizione. Il suo lavoro è miscelare le diverse annate, diverse botti, diverse gradazioni, e rum dai diversi aromi per creare alla perfezione il rum che vuole ottenere
È normale mescolare rum con diversi anni d'invecchiamento, ma ogni produttore ha le sue regole per farlo, che cambiano a seconda della legislazione di ogni paese. Così quando compriamo un rum con indicato un invecchiamento di, per esempio, 15 anni, questo non ha un significato preciso. Per alcuni produttori significa che nella miscela di rum utilizzati il più vecchio ha 15 anni (e gli altri sono più giovani); per altri produttori indica il rum più giovane; per altri ancora è la media degli anni d'invecchiamento dei rum utilizzati. Quando un rum è una miscela di annate differenti e con differenti anni d'invecchiamento, si dice blended. Quando invece un rum è interamente di una solo annata, con i medesimi anni d'invecchiamento si dice millesimato.
Molti esperti del settore sono dell'idea che nell'indicazione degli anni d'invecchiamento le regole andrebbero standardizzate, a tutela dei consumatori. Tuttavia questo andrebbe forse contro gli interessi di molti paesi produttori.
Hombre Sincero

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Re: RUM

Messaggio da leggere da carlo » 20/12/2009, 19:50

Non sono un gran bevitore di rum, se proprio mi capita però i miei preferiti sono il matuzalem e il santa teresa. I vostri?

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: RUM

Messaggio da leggere da hombre sincero » 21/12/2009, 12:35

Son boni, aggiungerei:

Zacapa
Damoiseau
Caroni
Flor de Cana
Barrillito (non è molto costoso e a mio parere non è male)

ora ho fretta me ne devo anna'....poi se po' approfondi'...

Salute
Hombre Sincero

l.zag

Re: RUM

Messaggio da leggere da l.zag » 21/12/2009, 18:16

Ottimo lo Zacapa e il Santa Teresa il Matusalem non lo preferisco

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Re: RUM

Messaggio da leggere da carlo » 21/12/2009, 19:17

caroni e flor de cana mi mancano, sono molto cari? mio fratello è appassionato, se son buoni li cerco.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: RUM

Messaggio da leggere da hombre sincero » 21/12/2009, 19:59

Flor de Cana centenario (Nicaragua), 18 anni: €60 (se non ricordo male)

Caroni (Trinidad) 22 anni: €60
la distilleria è stata chiusa, quindi in teoria e salvo ripensamenti dello stato le bottiglie in circolazione sono destinate a esaurirsi.
Il primo sorso non mi garbo' per niente, poi, ritornandoci, m'è garbato..

Se dovessi regalare una bottiglia di rum, tra i miei preferiti c'è:
Demoiseau Rhum (Guadalupa), 15 anni.
per me è molto buono, unico difetto il prezzo (mi pare €80, bottiglia da 0,70l...)
Hombre Sincero

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Re: RUM

Messaggio da leggere da carlo » 22/12/2009, 18:55

ok grazie mille!

Avatar utente
Vita
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1130
Iscritto il: 04/02/2006, 16:19
Località: nei dintorni di Bloomsbury
Contatta:

Re: RUM

Messaggio da leggere da Vita » 17/01/2010, 10:21

matusalem 15, mi piacciono moltissimo poi i rum della distilleria DILLON.
E poi questa è per Andrea che condivide il mio amore per il rum.
Prendi dello zucchero di canna grezzo, versane tre cucchiaini o giù di lì in un bicchiere, poi prendi un lime bello verde, tagliane due spicchietti pieni, spruzane un pò sullo zucchero e poi lascia gli spicchi a macerare nel bicchiere, prendi del rum giovane (ovviamente ancora bianco) versane tre o quattro dita nel bicchiere e con un cucchiaino gira, gira, gira e degusta...
Poi se ti va, accanto al tuo tea ponch prenditi anche un bicchiere di acqua con ghiaccio. E' così che gustano il rum ai caraibi.
Delicious, folks!!!
"Combattere e vincere porta il meraviglioso
combattere e perdere porta quasi il divino...
tu sarai sempre tra i due senza scelta..."

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: RUM

Messaggio da leggere da hombre sincero » 17/01/2010, 12:41

lo proverò, grazie Michela
Hombre Sincero

Avatar utente
Vita
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1130
Iscritto il: 04/02/2006, 16:19
Località: nei dintorni di Bloomsbury
Contatta:

Re: RUM

Messaggio da leggere da Vita » 19/01/2010, 13:28

hombre sincero ha scritto: lo proverò, grazie Michela
de nada, querido
"Combattere e vincere porta il meraviglioso
combattere e perdere porta quasi il divino...
tu sarai sempre tra i due senza scelta..."

Rispondi