Ricchi e poveri

gli articoli di riflessione e attualità di M. Pulimanti
Avatar utente
Mario Pulimanti
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 849
Iscritto il: 12/04/2006, 15:50
Località: Lido di Ostia -Roma

Ricchi e poveri

Messaggio da leggere da Mario Pulimanti » 20/12/2013, 18:27

:angryfire: Ricchi e poveri.
Aumenta il divario economico e sociale: aumentano i ricchi e i poveri, diminuisce la classe media.
La crisi fa diventare i ricchi sempre più ricchi.
Le persone più facoltose continuano ad accumulare patrimonio, mentre i poveri vivono una situazione opposta.
Una dinamica di crescente disuguaglianza che rende i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri.
Oggi o si diventa miliardari, o si crepa di fame.
Uno studio della banca d'Italia conferma che non è vero che la recessione ha reso tutti un po' più poveri e che la diseguaglianza ha continua ad allargarsi anche mentre l'economia si fermava.
L'ultima Italia egualitaria è quella dei primi anni 80, cioè quella che usciva dalle conquiste sociali degli anni 70: oggi il 10 per cento più ricco dispone del 50% del reddito totale.
Questi nuovi miliardari, inoltre, sono molto diversi dai vecchi.
Alla vecchia categoria dei padroni del vapore, industriali e imprenditori del settore manifatturiero, si è sostituita una classe di speculatori, operatori finanziari, concessionari di risorse e materie prime, banchieri e managers che pur non inventando o producendo nulla vedono moltiplicarsi esponenzialmente profitti e stipendi cosicché, mentre i super-ricchi riescono a mantenersi uniti e a trasmettere i loro privilegi, i poveri fanno fatica a salire.
Insomma, sempre più difficile salire i gradini della scala sociale.
Anzi, é’ come se la scala sia propria sparita. Del resto, togliendo forza al ceto medio per i potenti diventa più facile gestire il potere, in questo modo si spiega perché in parlamento ci sono nominati e non eletti come ogni democrazia esigerebbe.
La classe media però dovrebbe farsi più furba e cercarsi una classe politica migliore in grado di tutelare i propri interessi.
Non deve continuare a votare chi difende i propri o quelli dei banchieri, petrolieri o ricchi imprenditori.
Molti si chiedono se tutto questo è giusto, se non esiste una giustizia divina che potrebbe porre rimedio a queste ingiustizie?
Dubbi ovvi, considerato che, per come la vedo io, Dio sembra che cominci a nutrire verso il creato lo stesso interesse che un bambino distratto avrebbe verso un giocattolo che ha da tempo abbandonato in un angolo del giardino.
Mario Pulimanti (Lido di Ostia -Roma)
Allegati
mario_pulimanti_3.jpg

Rispondi