AUSTERITA’ INGIUSTA E PERICOLOSA

gli articoli di riflessione e attualità di M. Pulimanti
Avatar utente
Mario Pulimanti
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 849
Iscritto il: 12/04/2006, 15:50
Località: Lido di Ostia -Roma

AUSTERITA’ INGIUSTA E PERICOLOSA

Messaggio da leggere da Mario Pulimanti » 08/11/2013, 15:11

AUSTERITA’ INGIUSTA E PERICOLOSA

Le politiche di austerità sono ingiuste, inefficienti ed antidemocratiche.
Infatti la riduzione dei tassi di interesse non farà riprendere investimenti e consumi perché la crisi non è dovuta al costo del denaro ma alle politiche di austerità che determinano tagli della spesa pubblica e del welfare e alla vergognosa distribuzione del reddito che vede la maggioranza delle famiglie andare verso la povertà.
Del resto l’aumento dei deficit è una conseguenza della caduta delle entrate fiscali dovuta in parte ai regali fatti ai redditi più alti, degli aiuti pubblici alle banche commerciali e del ricorso ai mercati finanziari per finanziare questo debito a tassi di interesse elevati.
La crisi è dovuta anche alla totale mancanza di regolamentazione del credito e dei flussi di capitale a scapito dell’occupazione, dei servizi pubblici e delle attività produttive.
E’ alimentata dalla Banca Centrale Europea (BCE) che supporta incondizionatamente le banche private, e invece, quando si tratta di rivestire il ruolo di prestatore, richiede condizioni di austerità agli Stati, imponendo loro politiche di austerità e non essendo in grado di combattere la speculazione sul debito, dato che il suo obiettivo principale è quello di mantenere la stabilità dei prezzi.
E’ urgente cambiare rotta per uscire dalla crisi.

Per riuscirci, occorre spezzare la morsa dei mercati finanziari e non alimentarli.

Infatti, senza l’abbandono delle politiche di austerità, senza il rilancio del welfare, la redistribuzione del reddito dall’alto in basso e senza una forte politica pubblica finalizzata a soddisfare i bisogni sociali, non si può uscire dalla crisi.



Mario Pulimanti (Lido di Ostia -Roma)
:angry2:
Allegati
a12.jpg

Rispondi