POESIE ISTANTANEE 4

Forum dedicato alla poesia e al wiki-poetry project
Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 08/02/2012, 17:31

Vorrei viaggiare. Sì, ma dove?

Cerco il giorno ma non lo trovo
cerco la notte ma non la trovo
cerco le mie certezze
cerco, e adesso che non sò neppur io cosa cercare..

improvvisamente smetto di cercare
improvvisamente smetto di pensare
improvvisamente smetto
improvvisamente smettono le parole...

non è gran cosa dare tutto me stesso
non è la gloria che vorrei cercare
ma tutta la mia umanità perduta

continuo improvvisamente a cercare
continuo inopinatamente
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da DevilMaster » 09/02/2012, 3:46

Agapito Malteni ha scritto: Vorrei viaggiare. Sì, ma dove?

Cerco il giorno ma non lo trovo
cerco la notte ma non la trovo
cerco le mie certezze
cerco, e adesso che non sò neppur io cosa cercare..

improvvisamente smetto di cercare
improvvisamente smetto di pensare
improvvisamente smetto
improvvisamente smettono le parole...

non è gran cosa dare tutto me stesso
non è la gloria che vorrei cercare
ma tutta la mia umanità perduta

continuo improvvisamente a cercare
continuo inopinatamente


Hai guardato sotto i cuscini del divano?

P.s. Chiedo scusa... non ho resistito. ;-)
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 10/02/2012, 12:16

:BangHead: perché non ci ho pensato prima?  :BangHead:
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 13/02/2012, 0:14

richiama l'arte e mettila da parte
cerca tra i cuscini
cerca tra i giorni perduti
cerca tra le notti insonni

impara l'arte e mettila in disparte
improvvisamente piove
improvvisamente è buio
improvvisamente è il giorno

alla continua ricerca delle caramelle perdute
e continuo ancora a pensare
e continuo ancora ad odiare
e continuo ancora ad amare

l'infinito è ciò che corrobora
tutto ciò che è indefinibile è infinito
tutto ciò che è definibile è perfetto
tutto ciò che è finito è oblio

alla polvere solo ad essa richiamo i ricordi lontanissimi
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
poetanelcuore
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Messaggi: 15
Iscritto il: 10/02/2012, 19:27
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da poetanelcuore » 14/02/2012, 13:06

ma nell'infinito nascono le simmetrie del vero
i ricordi più acerbi del primordiale pensiero
e se poi nel cielo trovo un punto e non l'orizzonte
allora posso scalzare la polvere ma pure la collera
perché nei sentieri più bui ritrovo l'essenza
di ciò che un tempo era solo pace...

Avatar utente
cignonero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 604
Iscritto il: 19/10/2007, 12:08
Località: Firenze
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da cignonero » 14/02/2012, 20:52

...di ciò che un tempo
era solo Mi Piace
rendo la pariglia al soldo,
negando il limite della funzione di ics
per ics tendente a infinito.

Trovo la luna
di latte
nel sangue,
sciolgo la prognosi
e prego
affinché il dottore
non sbagli
proprio stavolta
la diagnosi.

Salute signori
che pene infiori la Rosa
perchè oggi,
è san valentino
se l'invidia è il motore della economia di pace,
lo spreco è il suo carburante. e in guerra papà?

che volevo dire? Ah si, divertitevi! davvero. ma un angolo dello sguardo lasciatelo
a chi soffre, poiché in guerra molti cadono, non tutti muoiono. mentre in tempo di
pace tutti scambiano eppure c'è sempre qualcuno che perde
http://xoomer.alice.it/fabiandirosa/
http://www.youtube.com/fabiandirosa

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 14/02/2012, 23:04

stupendo pensiero
primordiale e asimmetrico è il dubbio
che il vero stia nei fatti e non nelle parole
e la collera incalza il punto di non ritorno
quando il sole affonda tra il cielo e l'orizzonte
negli abissi del mare e alla luna lascia le consegne
tutto il resto è polvere. 
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 16/02/2012, 13:35

tutto il resto è noia?
spunta la luna dal monte?
queste sono canzoni
e continuo da solo a cantare
e a far finta di niente
Hombre canta con noi
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da hombre sincero » 17/02/2012, 18:40

Incuranti di ciò che generò il sogno,
gli acerbi riflessi continuarono a lampeggiare
nella stanze vuote che avevamo dimenticato
di aprire.
Torno a casa spento,
mi butto sotto la doccia
e provo a lavare via la polvere stanca; non si sa mai..
Va via la luce,
improvvisamente si spalancano le porte
di stanze che non ricordavo
e loro, quei feti di intuizioni oniriche, sono là, tutte,
belle, profumate e nuove di zecca! Che faccio?
Mi ci tuffo
e prima che torni la luce, inizio
a cantarle.
Hombre Sincero

Avatar utente
cignonero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 604
Iscritto il: 19/10/2007, 12:08
Località: Firenze
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da cignonero » 17/02/2012, 23:48

               prestamente     mi faccio     della stessa droga     di cui le stelle si fanno       chè la polvere è pane         e il redivivo è di lei il canto


uuu andrea tornò tornò tra noi e il mio cuore s'impoeta nuovamente  :angel10:
se l'invidia è il motore della economia di pace,
lo spreco è il suo carburante. e in guerra papà?

che volevo dire? Ah si, divertitevi! davvero. ma un angolo dello sguardo lasciatelo
a chi soffre, poiché in guerra molti cadono, non tutti muoiono. mentre in tempo di
pace tutti scambiano eppure c'è sempre qualcuno che perde
http://xoomer.alice.it/fabiandirosa/
http://www.youtube.com/fabiandirosa

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 18/02/2012, 10:09

e adesso che sono finalmente  libero
scriverò i miei versi con la penna
e come jago andrò di porto in porto
a recitarli come se fosse appena ieri
quando a vent'anni vagabondavo
di città in città;

e adesso che ho tanta gente vicina
posso dire che ho vissuto i miei giorni
senza indifferenza ho citato le mie parole
ho fatto scuola ai miei pensieri
e alle mie azioni ho raccomandato giudizio
e al cervello ho raccomandato di pensare..

e adesso che certi momenti ancora tornano
e mi assalgono i cattivi pensieri
faccio ammenda e dedico quattro righe
alle mie opninioni che tengo sempre da conto
coerente con la musica che suono
continuo a suonare con la stessa orchestra.

e adesso che mi dicono che cambio spesso opinione
rispondo che non è vero assoluto
è vero ed è stupido e coglione chi dimostra
per testardagine e falsi teoremi il contrario
ed è incapace di cogliere i cambiamenti
e continuo ancora a correre e a farmi del male..

e adesso che Antonio continua a non parlarmi
fossi gay sarei certamente innamorato della sua bocca
tanto è stupida e intelligente la sua mente
mi aggrada e mi pervade la musicalità delle sue parole
esercita una pressione sgradevole alla sua assenza
che reclama la sua presenza ora muta ora lontana...

e adesso come quando io e Antonio esaltavamo i versi di Pierangelo Bertoli
e lo si cantava a muso duro e speravamo nelle sue parole
cantavamo Varsavia, come fosse il Vangelo secondo Matteo di Pierpaolo Pasolini
e perchè ricordate che a stare in trincea sono gli uomini normali
e non i capi di stato i vescovi e i cardinali
evviva di Dio evviva la povera gente evviva i morti di fame;

e adesso che a Damasco si muore
che fanno i capi di stato di stato?
che fanno i generali?
che fanno i vescovi?
che fanno i cardinali?
che fanno i francesi?
scrivi scrivi la rabbia che risale
versa versa la schiuma che monta
monta monta la guerra
canta canta che il vento soffia ancora
nell'ascensore di casa ho dimenticato l'ombrello
e il tempo sta cambiando
ah che bella giornata ma che bella giornata
azz piove non ci sono più le mezze stagioni
è un muro di pensieri in un castello di carta
brucia la rabbia e asseta la voglia di giustizia
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 19/02/2012, 9:57

e adesso che tutto è stato detto
e tutto è stato scritto
non ho più voglia di tornare sui miei passi
passi l'idea che chi scrive ha troppa rabbia da esternare
ma è altrettanto vero che chi legge condivide
annuisce e trae le sue conclusioni .. e chiede:

>

E adesso che scrivo per rispondere a questo quesito
provo a infilare il filo nella cruna dell'ago
e comincio a tessere il mio teorea:
consumo la mia vita sprecando il mio tempo
a scrivere parole da gettare nell'etere della rete
e corro da un punto all'altro a cercare di spiegare
a me stesso il senso di questo scrivere ininterroto
a cercare il centro del fiume e dopo averlo trovato
a cercare il centro di gravita e dopo averlo trovato
a cercare il centro del senso e dopo averlo trovato
inventarsi nuovi centri da cercare, per non smettere
m'invento nuove bocche da baciare
e nuovi e astuti teoremi da dimostrare
sono il genio di una lampada perduta
quello che mai alcun desiderio saprà esaudire
fino a quando qualcuno organizzerà la sua spedizione
per cercare il frutto che germoglia dal seme delle parole perdute

Questa è la risposta ben riposta alla domanda inziale del chi scrive
tutto il resto che ne segue sono solo parole in libertà
demenziali parole torrenziali e piangenti come la pioggia d'autunno
questa è la poesia omaggiando versi già scritti e buttati tutti lì
ma chi scrive è libero ?

Chi scrive se la sua bugia non affonda nei compromessi del venale e libero davvero!
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da hombre sincero » 19/02/2012, 12:18

Niente è stato detto e niente è stato scritto.
Stormi infiniti e immacolati di pagine bianche
vengono a noi, umili e miti
pronte a essere fecondate,
battezzate con nuovi nomi.
Non c'è libertà più grande
del sapere di non sapere.
Possiamo inventare tutto, tutto e il suo contrario
ed ebbri di onnipotenza
continuiamo a scolarci
litri di canto,
inventandoci cose che da qualche parte
sono verità.
Credete a tutto, vi prego,
perché tutto è vero.
Hombre Sincero

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 20/02/2012, 12:39

Non c'è libertà più grande
della consapevolezza dell'essere liberi
in questo piccolo banalissimo mondo
dove prevale chi si fà raccomandare
e non chi vale per le proprie qualità
Libertà che il coraggio richiede a rinuciare
ai falsi dogmi o alle piccole bugie
e io che sono libero di scrivere con la penna
dò bene che il sapere di non sapere è colta ignoranza
che professa il proprio credo
stando sempre un passo indietro dai campioni
mantenendo basso profilo e concezione del sapere
che chi pretende di sapere avvolte non ha!

Io parlo al muro e m'ingegno in tutti i modi
nel cercare di farmi rispondere
e scalpito come Bartali sulla sua bicicletta al tour
e pedalo forte nel cercare le soluzioni
sempre difficile perché quanto costa essere liberi
lo sà solo il poeta con la sua solitudine..

Sono libero di essere libero
e questo la sò solo io
mi costa la sofferenza del mio essere uomo
a muso d'uro contro tutto e tutti
solo a meditare la scelta più difficile
piuttosto che scegliere la canzone più orecchiabile

Libero di essere libero voglio essere
per essere l'uomo che sono
e rinuciare alla fasulla mondanità
che offre spunti di desolazione
dove la desertificazione dei sentimenti
è cosa nota e in certi momenti appare
come il sole alla luce del giorno
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
cignonero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 604
Iscritto il: 19/10/2007, 12:08
Località: Firenze
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da cignonero » 20/02/2012, 14:37

...............................................                                                      ...
se l'invidia è il motore della economia di pace,
lo spreco è il suo carburante. e in guerra papà?

che volevo dire? Ah si, divertitevi! davvero. ma un angolo dello sguardo lasciatelo
a chi soffre, poiché in guerra molti cadono, non tutti muoiono. mentre in tempo di
pace tutti scambiano eppure c'è sempre qualcuno che perde
http://xoomer.alice.it/fabiandirosa/
http://www.youtube.com/fabiandirosa

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 20/02/2012, 19:28

scriverò come sempre mai domo
dimenticando al passato le ore liete
e i momenti peggiori li rimando al futuro
col pensiero che tutto passa poi torna
perché la storia si ripete di giorno
e di notte si addormenta ..

scavalco montagne e non scendo mai a valle
di rimbalzo con la piena
l'anello al naso non l'ho mai portato
ma fingo di non pensare e sorrido da stolto
mi adatto alla scemenza idiozia quotidiana
faccio il figlio della colpa per non andare in guerra
ma sono vigile e mi tengo dritto all'eventuale

credo nella libera opinione
credo nella libera impresa
non credo alla gente
non credo al perdono
credo nel libero pensiero
credo nel signore che dà la vita
non credo ai preti e ai cardinali
non credo ai sentimenti facili

Libero di sognare di essere libero
libero di immaginare la diversità
che tanto spaventa le masse..

lasciate soffiare il vento alle spalle di ciò che nasce
ciò che muore hai il vento della morte alle spalle
e finisce in un cunicolo buio
ciò che vive ha il soffio della luce innanzi agli occhi
cio che muore ha il vento della notte dentro gli occhi
ciò che vedo in questo momento
è il singhiozzo del libero pensiero che stenta a tossire
e rigurgitare tutto ciò che è tossico e s'impenna

tieni alta la guardia ragazzo
sorridi a tutto ciò ch'è tossico
ignora con cinismo e determinazione
il guinzaglio dei poteri forti

sorridi alla follia e saluta il mondo che gira più forte
sorridi alla folle corsa quotidiana al cellulare più bello
distingui il vero dal falso
distintui il giusto dall'ingiusto

Per te ragazzo ho restaurato l'alfa gt del Generale Fernando P.
Per te ragazzo piango miseria in questa notte semiseria
Per te ragazzo intreccio rose ed edera con  corone d'alloro

Se questo sono io, allora io sono un uomo.
Se questo sono io, allora io sono un uomo caduto
Misera condizione umana
Misera condizione tra il dire e il fare nel limbo del fare e non fare

Banale è la considerazione che hanno di me le frasi congiunturali
Venale è l'ipocrisia quando getta le sue reti e pesca senz'esca
Banale è il senso dell'olfatto quando si giudica di prim'acchitto
Venale è l'uomo che finge di non sapere quando le storie nascono già morte

Bestemmio e aspetto Iddio al porto per ricominciare..
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 20/02/2012, 19:39

bestemmio e aspetto Iddio al porto per ricomiciare a scrivere..
ma chi scrive perché lo fa?
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da carlo » 22/02/2012, 3:49

:icon_pale:

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da hombre sincero » 22/02/2012, 12:00

non so cosa scrivere
men che mai il perché.
scrivere   s c r i v e r e    erevircs    e r e v i r c s    scrierev  v e r e i r c s     r i v e r e s c   sciverer    vierecs  v i r c s e r e    scrierev  v e r e s c r i  serevirc
frugo fra i pensieri, la memoria, i canti, i sapori...
niente, niente di niente.
Ssssssilenzio
amplificato dal libeccio
che fuori piega le piante di rosa.
Artù sfida il vento
abbaiandogli in faccia:
"qui ci sono io"
"qui e adesso ci sono io".  
Ultima modifica di hombre sincero il 23/02/2012, 18:37, modificato 1 volta in totale.
Hombre Sincero

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 22/02/2012, 12:15

scrivi, quando parti;
scrivi, quando arrivi;

Scrivere è come una malattia infamante
scrivere è come l'oppio una volta fumato
scrivere è come il vizio del sesso

Non sò perché lo faccio
non sò perché m'ingegno a farlo ancora
tutto ciò che sò, è l'impulso delle mani sulla tastiera
non sò altro!
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 24/02/2012, 17:08

Scrivi foss'anche solo per disappunto, ma scrivi.
Quando sei in disaccordo con ciò che ti meriti
quando sei in disaccordo con ciò che possiedi
quando sei in contrasto con la tua coscienza
scrivi foss'anche solo per non restare inermi
scrivi e detta le regole del pensiero a chi ti legge

Sette sono i pensieri, e sette sono le regole
sette sono i giorni della settimana
sette sono i vizi capitali
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

antonio
Penna Bic
Penna Bic
Messaggi: 23
Iscritto il: 17/02/2005, 12:04
Località: Napoli

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da antonio » 25/02/2012, 0:55

Colori intensi
quasi ho pianto
per quel che ho fatto,
per chi l'ho fatto,
un istante
sono perso,
è stato bello
era da tanto.

antonio
Penna Bic
Penna Bic
Messaggi: 23
Iscritto il: 17/02/2005, 12:04
Località: Napoli

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da antonio » 25/02/2012, 1:08

Illudo a meraviglia,
non c'entro!
Fantasia m'è troppo amica.
Ma ti guardo e ti invidio Realtà
non menti.
Io sì

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 25/02/2012, 10:45

Per quel che non ho fatto ho pianto
per quel che avrei potuto fare..
nessuna voglia di vivere in un mondo fatato
nessuna voglia di vivere in un mondo farlocco

Guardarti e invidiarti a fondo realtà che non consco
Non menti mai nel tuo campionario di mediocrità
ma se penso che devo vincere la mia paura
in questa piazza banale dove l'acqua lava la vergogna
mi basta copiare versi per dire che l'inganno è tutto qua
e parlare con coraggio per trovarlo nelle parole che si scrivono
nella libertà che offre la misera quotidianità
per sopportare la mia paura d'essere scoperto banale e analfabeta
scarso a sentimenti e avaro a dimostrare il senso dell'amore
bianco o rosso che sia è pur sempre amore ..
m'illudo a meraviglia e sospeso come nell'aria aspetto
il lento fluire millenario del fiume andare verso il mare
quando meno te lo aspetti arriva l'ora della poesia
d'intensi colori si sveste quando ti coglie
immenso è il carico che tramonta all'arancione
scalpito e affondo nel pianto per quel ch'è stato.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

antonio
Penna Bic
Penna Bic
Messaggi: 23
Iscritto il: 17/02/2005, 12:04
Località: Napoli

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da antonio » 27/02/2012, 0:58

da troppo  ormai
non è più mia
L’ho donata a  te

Da troppo ormai
L’ho rinchiusa in te
Che porti via

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 27/02/2012, 13:59

da troppo tempo ormai ho rinunciato
questo tempo non mi appartiene
l'ho donato alle ore passate;

da troppo tempo ormai o riposto le ali
questo volare senza meta è finito
l'ho rinchiuso nel vento che porta via.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
cignonero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 604
Iscritto il: 19/10/2007, 12:08
Località: Firenze
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da cignonero » 27/02/2012, 20:22

per gli haiku, prego scrivere nell'apposita sezione
se l'invidia è il motore della economia di pace,
lo spreco è il suo carburante. e in guerra papà?

che volevo dire? Ah si, divertitevi! davvero. ma un angolo dello sguardo lasciatelo
a chi soffre, poiché in guerra molti cadono, non tutti muoiono. mentre in tempo di
pace tutti scambiano eppure c'è sempre qualcuno che perde
http://xoomer.alice.it/fabiandirosa/
http://www.youtube.com/fabiandirosa

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 29/02/2012, 9:23

e adesso che farò.. non so che scrivere
scriverò un haiku fuori sezione
non so se avrò i colleghi di partito
pronti a imitare la mia forma di protesta
e se poi mi costerà cara
son pronto a pagare con un fischio e senza karma
mi tocchera stare in questa casa tanto bella

niente di nuovo sul fronte occidentale
terminata la mia forma di protesta
torno a fare ciò che so fare
a rime sciolte carta penna e calamaio
faccio lo scultore di parole e a caso
sotto lo sguardo attento della sentinella
chiedo venia per questa mia semimisera

niente da dire, non faccio di tutt'erba un fascio
delle rime non scritte ne faccio buon uso
le tengo per le mie prossime tentazioni
tutto il resto su questo fronte è già vecchio.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 03/03/2012, 9:52

tutto il resto è niente, tranne il fatto
che il profumo dell'erba verde
arriva sempre in primavera
ed è in questa stagione che mi cambio d'abito
e che il mio folle pensare annuisce e fugge!

Primavera d'intorno quando tutto in un lampo tace
allo spettacolo di un giardino di mandorli in fiore
come branco di pecore pascenti quei petali bianchi
come neve sollazzano la terra nera arsa dal gelo delle nevi invernali
inifinti orizzonti, dalle case imbiancate a calce in quest'azzurro natale
cinguettio d'uccelli, e profumi nell'aria che sanno di selvatico
questa è la vita, è la primavera che scampoli di speranza espande
chi è che tesse questo mosaico e ci invita a continuare
a credere che domani sarà migliore ..

In questo scampolo  di vita in questo mare inevoluzione
sfido il tempo a scalfire le mie certezze
e continuo a credere in ciò che teorizzo da sempre e..
che il tempo è galantuomo e che a torto o a ragione
prima o poi verrà fuori il mondo che cerchiamo
in quest'allegria senza tempo
in questo gioco nostalgico ad acchiappafantasmi
non saprei più dove cercare per sapere tutto ciò che siamo
per avere il giusto contendere senza carnevalismi in essere

Chi vuol essere a carnevale è sempre festa in maschera
chi vuol essere sempre giovane allora lieto sia perché..
lascio le mie cose in un cortile in un bel giorno di primavera
lascio le mie parole e le mie canzoni appartengono a voi tutti
chiudio gli occhi e sento cani abbaiare nella sera dei miracoli
rinuncio alla mia gioia pago giusto e sono felice per ciò che sono stato
non voglio andare via ma mi costringono le circostanze
sulla scia della corrente scivolo col mio barcarolo verso quel tempo che verrà
"da oggi Roma avrà un altro Dio io me ne vado via!"

Grazie Lucio!
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 09/03/2012, 15:06

Da oggi a Roma..
e da domani, l'intermezzo di Mascagni
allo scoccare dell'ora tornerà in palcoscenico
e gli strumenti torneranno finalmente a suonare
e il silenzio interrotto sarà l'inizio di un nuovo modo d'intendere
aspetto con fede l'inizio di un nuovo tempo.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 09/03/2012, 17:21

Chi poeta è crea poesia
questo mi hanno insegnato!

Vivi come dici di vivere
e non perderti mai
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 09/03/2012, 23:11

10 marzo 1948 scrivi pure:

pane al pane
e vino al vino;

a Dio quello che è di Dio
a Cesare quello che è di Cesare;

la terra ai contadini
la spiga s'inchina alla falce

la storia a Placido Rizzotto.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 10/03/2012, 10:40

Solo di fantasia, ora come allora
io nutro i miei sogni
la seta, l'odore del vino
la vendemmia in autunno
riporta nell'alveo le stagioni;
i giorni, uno dopo l'altro
generano il caso
la concretezza sta nelle gesta
le movenze della terra, le stelle
il parco naturale della vita
il susseguirsi delle stagioni
rendono un gesto come la fantasia
vano come il vento
quando cessa il suo sibilo
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da hombre sincero » 11/03/2012, 16:41

e che sia pure
morire di fantasia
qua, adesso.
Il resto è tutta un'invenzione!
Hombre Sincero

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 12/03/2012, 10:54

L'agire di fantasia,
non è forse una grande bugia?

I preti, il credo, il padre nostro,
che grande invezione!
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 13:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da Agapito Malteni » 24/03/2012, 9:12

Agire di fantasia a volte è meglio
piuttosto che mendicare briciole di verità
in un contesto dove tutto appare
è come essere nel guado a metà strada
tra la piena davanti e il vortice alle spalle

E' un amore impossibile!
Una cosa bella ma insopportabile..
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da hombre sincero » 24/03/2012, 11:27

In un contesto dove tutto urla
per apparire,
per affermare gridando il proprio niente,
edificando cattedrali di caos incomprensibile
venerate da persone che non si conoscono.
Abbasso piano piano il volume,
fino sentire clik;
O F F
Adesso si può sentire altro.
Hombre Sincero

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da hombre sincero » 24/03/2012, 11:53

Oh cazzo!
ero andato su modifica e avevo scritto ben altro!
Era una musica di magica realtà,
che andava ad alitare di fresco un mistero comune
fino a fluttuare leggera avvicinandosi sicura
alle prime nebbie azzurre dell'infinito.
Era una poesia che guardava innocente la verità, senza averne timore
e chiunque la avesse letta, avrebbe sorriso, e liberato dalla paura,
avrebbe toccato con mano l'immortalità
pregna di felicità eterna.
Ad un tratto

Il seguente errore o i seguenti errori si sono verificati durante l\'invio del messaggio:
La sessione è scaduta durante l'inserimento. Provare a reinserire il messaggio.

Niente da fare, ormai, le parole erano andate via.
Altrove, forse qualcuno sentirà inavvertitamente la loro canzone
credendo si tratti di altra cosa.

Tempo totale di connessione al forum: 6 giorni, 6 ore e 4 minuti.
Mi faccio uno spritz.
Hombre Sincero

Avatar utente
cignonero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 604
Iscritto il: 19/10/2007, 12:08
Località: Firenze
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da cignonero » 29/03/2012, 16:44

Ti ricordo sul ponte
La cicca sghemba, quello da dire detto
Ascoltavi l'acqua e

il ronzio del furto.
un lieve cinguettare mi sollevò la mente..
e se il plagio fosse salutare?
se l'invidia è il motore della economia di pace,
lo spreco è il suo carburante. e in guerra papà?

che volevo dire? Ah si, divertitevi! davvero. ma un angolo dello sguardo lasciatelo
a chi soffre, poiché in guerra molti cadono, non tutti muoiono. mentre in tempo di
pace tutti scambiano eppure c'è sempre qualcuno che perde
http://xoomer.alice.it/fabiandirosa/
http://www.youtube.com/fabiandirosa

Avatar utente
nikita
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 485
Iscritto il: 14/01/2008, 15:24
Località: torino

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da leggere da nikita » 01/04/2012, 19:31

E poi
arriva il giorno
in cui uno
non parla piu'.
L'invidia è una brutta bestia, se ti morde in giovane età...sei fottuto!

Rispondi