POESIE ISTANTANEE 4

Forum dedicato alla poesia e al wiki-poetry project
Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 12:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da Agapito Malteni » 18/07/2012, 22:02

guardo in alto questa notte
il cielo è una calda coperta stellata
il mio sguardo si perde e l'emozione mi prende
quando curiosando su youtube mi viene in mente
guarda che luna e penso, ciao Fred ci ha fatto sognare
la sera dei miracoli e mi emoziono pensando a Lucio;
ma il cielo è sempre più blu e Rino ci ha resi felici;
il mio concerto, questa sera d'estate si ispira a Umberto..
e così la mia rabbia si cela quando: dai diamanti non nasce niente e dal letame nascono fiori Faber..
emozionato e rattristato insisto ancora a ricordare
così .. Io vorrei non vorrei ma se vuoi Battisti mi fa tornare bambino
e ad Antonio al mio amico di sempre gli dedico Chiama piano di Pierangelo..
questa notte accecata dalla luce che emana la città inquina i versi della luce delle stelle
Meraviglioso è la giusta definizione per questo istante pensando a Mimmo a braccia aperte..
e a me stesso canto... tu che sei diverso almeno tu nell'universo
è una gioia farle passare ad una ad una voglio ricordarle e più che posso
sono qua a al buio con la luce dello schermo che riflette sulla tastiera
invano cerco i tasti e immagino.. la chitarra di Ivan Graziani chissà cosa pensa Matteo.. con gli amici..
penso a Umberto Bindi emarginato per la sua verità..
alle denuncie di Rino Gaetano, ai versi di Fabbrizio De Andrè è un tormento.. se solo mi soffermo un attimo e realizzo..
un cane questa notte con la bocca fa a pezzi una canzone
versi che gira e rigira annientano la mia volontà e mi inducono a continuare
mi piacerebbe ricordare e ad uno ad uno voglio che nella mia mente si soffermino il più a lungo possibile
non  sono niente e non posso volere d’essere niente..
Eppure continuo ancora a cantare pur sapendo di farmi del male e mi chiedo
Siete stati grandi .. Ed io che mi faccio piccolo piccolo e non sono niente!
Per due innamorati avrei scritto
Il carretto. Il vestito a fiori, il salame..
la miniera il carbone a natale verrà.. Cogli la mia rosa d’amore..
Se la sua è cattiveria io la tengo per mano e poi faceva ascoltare il rumore dell’erba crescere nella mano…

Questa notte tormentato dai versi che non ho scritto guardando in alto verso il cielo penso a loro e quanto ci hanno insegnato a tutto ciò che ci hanno lasciato..
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 21:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da hombre sincero » 03/08/2012, 21:52

Le fibre della ripetitività
sono così fitte
da nascondere 
ogni avanzo di luce
e meraviglia.
Hombre Sincero

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 21:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da hombre sincero » 04/08/2012, 22:10

Io poeto
Tu poeti
Egli poeta
Noi poetiamo
Voi poetate
Essi poetano
Hombre Sincero

Avatar utente
cignonero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 604
Iscritto il: 19/10/2007, 11:08
Località: Firenze
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da cignonero » 07/08/2012, 12:37

lo dite lo dite ma PI4 è aperto da anni..
se l'invidia è il motore della economia di pace,
lo spreco è il suo carburante. e in guerra papà?

che volevo dire? Ah si, divertitevi! davvero. ma un angolo dello sguardo lasciatelo
a chi soffre, poiché in guerra molti cadono, non tutti muoiono. mentre in tempo di
pace tutti scambiano eppure c'è sempre qualcuno che perde
http://xoomer.alice.it/fabiandirosa/
http://www.youtube.com/fabiandirosa

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 12:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da Agapito Malteni » 07/08/2012, 13:45

perseguitato da una sola ossessione
consapevole di non sapere
perseguito a cercare risposte
è come cercare la luna
mi arrampico sulla cima più alta
nella vana speranza di raggiungerla
inultimente tendo le mani
scruto ogni pensiero
setaccio le parole della conoscenza
lo sconforto mi assale
quando scopro ancora una volta
che nonostante i miei sforzi
non sono niente,
e non posso volere d'essere niente
il vuoto di sapere ch'è in me
è un oceano senza limiti e senza confini
l'orizzonte è un punto focale
che trovasi, tra la linea del mare
e il cielo che si ricongiunge ad esso
io minuscola particella infinitesimale
che si perde tra le spire del vento
pretendo l'impossibile
non mi rimane che convincere la mia mente
ad accontentarsi di ciò che sono.. e cioè niente!
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 12:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da Agapito Malteni » 08/08/2012, 13:38

Consapevole dell'impossibilità
al raggiungimento della massima espressione
di tutte le logiche del sapere
pongo in essere il punto di partenza
ed è ad esso che voltando il capo
faccio ammenda.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 12:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da Agapito Malteni » 09/08/2012, 13:06

generoso è il tempo che ci sovrasta
fatto di circostanze e regole incontrovertibili
secoli di sapere, conoscenza che inondano
il passato, il presente, il futuro!

Beato è colui che ignora;
beato è colui che non si pone domande,
beato è colui che vive nella sua stupidità.
Perché di esso, è il regno della felicità.
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Agapito Malteni
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 220
Iscritto il: 17/04/2010, 12:34

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da Agapito Malteni » 10/08/2012, 12:29

costante è la ricerca
tormenta di dolore
di sapienza e di conoscenza;

e nulla in mundo pax sincera
è un aria meravigliosa.

potessero le note di vivaldi
riscaldare la mia pieta
potesse il perdono divino
riscaldare la mia anima.

fossi nato fesso
non avrei intriso questo spazio
di inutili parole;

fossi fesso gozzoviglierei tutto il giorno
al ritmo di samba e sambuca
cicala per quaranta giorni d'estate..

nulla nel mondo viene a caso
persino la prole è cercata e voluta
viceversa le metafore vengono da sé..

stupida è la poesia,
stupida è a mente che si contorce dal dolore
per arrovellarsi le membra con i gloria dei perché

è il tempo dei come e dei quando
in exelcis deo gloria quando tutto tace
e il corpo si distende quando tutto finisce

stupide e inutili questioni
che mi tormentate tutti i giorni dell'anno
fossi nato fesso!
A.M.

Non c'è più dolore atroce del sapere di non sapere.

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 21:03
Località: Livorno

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da hombre sincero » 13/08/2012, 20:51

La volta
del grappolo del Glicine
sfiora il sole
e va a indicare con l'ultimo petalo
un punto esatto
nello spazio.
Mi siedo,
allontano il cane che vuole baciarmi la faccia,
socchiudo gli occhi
e da fesso che sono
mi perdo in un profumo a caso
che intona suoni
insieme all cicale.
Hombre Sincero

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 0:02
Località: Roma
Contatta:

Re: POESIE ISTANTANEE 4

Messaggio da carlo » 24/08/2012, 18:25

:icon_study:

Rispondi