Critica a Carlos Castaneda

Bibliografie e biografie commentate dei grandi scrittori
oroboros
Penna stilografica
Penna stilografica
Messaggi: 80
Iscritto il: 27/05/2007, 21:18

Critica a Carlos Castaneda

Messaggio da leggere da oroboros » 28/05/2007, 19:02

Carlos Castaneda è un altro imbroglione che, volente o nolente, ha trasformato il pesante e leggero riflesso del Mistero che chiamiamo "vita" in un sistema di pensiero che, dietro l'affascinante apparenza magica, di magico ha solo la capacità di dare forma e peso a ciò che non ne ha, costruendo, in questo modo, la caricatura che è parodia della Verità. Castaneda è stato capace di dare una realtà di immagine a quello che immagine non può essere, perché appartenente a quella sottilissima sfera che si esprime solo all'Intuire superiore dell'Intelligenza Universale che è anche capace, proprio perché Universale e quindi comprendente l'individuale, di esprimersi nell'individuo con la visione del Reale, che non trasforma in immagini fisiche, ma in una superiore certezza. Certezza che "Vede" attraverso il dono di comprendere le connessioni dei minutissimi elementi, invisibili all'occhio esterno, che danno vita e senso al reale. Normalmente, a parte momenti eccezionali, le persone, non potendo conoscere i Principi Universali, non sono nemmeno in grado di riferire a questi Principi e alla Loro stringente logica consequenziale, gli elementi, grandi o piccolissimi che, una volta ordinati nel dominio che ognuno di loro occupa particolarmente ed in quello che, tutti insieme, compongono generalmente, queste persone dicevo, non sono, per questa ragione, nemmeno capaci di osservare la realtà senza la mediazione dell'interpretazione individuale. E' l'osservazione della realtà attraverso i Principi del "Senso dell'Eterno" che conferisce la Visione del Vero Universale senza la falsificazione operata dalla mediazione individuale. In altre parole...non è l'individuo che "Vede", ma il Centro che, esprimendosi nell'individuo, riconosce la Verità perché l'individuo si scansa dall'interpretare a suo uso e consumo.
'intelligenza è la vergogna dell'Intuito

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Critica a Carlos Castaneda

Messaggio da leggere da hombre sincero » 31/05/2007, 23:04

Castaneda credo (dire credo, credo sia doveroso) uno che si e' avvicinato al mistero, porbabilemtne in buona fede, ha creduto di sperimentarlo cioè di viverlo (se sia stato realmente così io non lo so) e, forse, successivamente, ha provato a specularci su.

Guardando un quadro di Chagall mi tornano in mente questi versi:
Tutto se sinceramente espresso o descritto vale.
Non ho dubbi sulla sincerità del pittore, ma questa è altra cosa.

Analizzare il "sinceramente" e provare a interpretarlo rischia a sua volta di diventare altra speculazione.
Ci affidiamo a ciò che ci dice la pancia, ma spesso la pancia ha fame, scende a compromessi e genera altre bugie.
Ma forse questo la pancia non lo sa.
Hombre Sincero

Rispondi