Woody Allen

Filmografie e biografie dei grandi registi
Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Woody Allen

Messaggio da leggere da carlo » 21/08/2004, 19:20

Vista la grave caranza fattaci notare da miki, posto una bio e una filmografia, trovate in rete, di W.A.

Immagine

WoodyAllen , nome d'arte di Allen Stewart KONIGSBERG, attore, regista e sceneggiatore cinematografico americano (New York 1935). Figlio di un tassista di Brooklyn, dopo aver iniziato come attore del variet? nei night-club, come scrittore di sketches televisivi e come interprete cinematografico (Ciao, Pussycat, 1966) e televisivo, a partire dal 1969 diresse se stesso in una serie di film comici e paradossali di cui scrisse anche il soggetto e la sceneggiatura: Prendi i soldi e scappa(1969), Il dittatore dello Stato libero di Bananas (1970), Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (1972), Il dormiglione (1973). Anche in film dove non figura come regista (Play it again Sam, 1971, di H. Ross), il suo contributo ? prevalente. A partire dal 1975 (Amore e guerra), la sua comicit? si ? fatta pi? raffinata in coincidenza con il legame artistico-sentimentale con l'attrice Diane Keaton. Il gusto del paradosso e della battuta, la satira spietata dello snobismo culturale, la sottile dialettica delle immagini, spesso in bianco e nero, ne hanno consolidato la fama: Io e Annie (1977), premio Oscar 1978, Interiors (1978), Manhattan (1979), Stardust Memories (1980). Nel 1982 ha diretto e interpretato Una commedia sexy in una notte d'estate, commedia surreale, ricca di suggestioni bergmaniane, molto apprezzata dal pubblico e dalla critica. I suoi film ssuccessivi hanno come protagonisti personaggi particolari come Zelig (1983), l'uomo camaleonte, e Broadway Danny Rose (1984), impresario teatrale fallito, cui ? concesso un solo momento di gloria. Ha inoltre scritto e diretto La rosa purpurea del Cairo (1985), omaggio al cinema e alla sua et? d'oro, cui ha fatto seguito Hannah e le sue sorelle (1986, Oscar per la migliore sceneggiatura originale), sorta di trasposizione moderna delle Tre sorelle di Cechov. In seguito ha reso omaggio ad un altro suo grande amore giovanile dirigendo il nostalgico Radio Days (1987), cui ha fatto seguito Settembre (1987), opera intimista di stampo fortemente bergmaniano che il regista ha girato due volte, essendo insoddisfatto della prima versione. Nel 1988, proseguendo nella sua produzione annuale di opere, ha diretto il film drammatico Un'altra donna, dove tornano ambientazioni e tematiche tipiche del cinema di Bergman, che Allen considera un maestro (al punto da avvalersi, in molte occasioni, della collaborazione di Sven Nykvist, direttore della fotografia delle principali opere del regista svedese). In seguito ha diretto la commedia Crimini e misfatti (1989) nella quale, all'interno di una trama thriller sui generis, il regista inserisce riflessioni filosofiche e religiose, giungendo quasi a creare un nuovo genere cinematografico, poi ripreso in lavori successivi. Del 1989 ? anche l'episodio Edipo derelitto, facente parte del film New York stories, girato in collaborazione con altri due grandi registi newyorchesi, F. F. Coppola e M. Scorsese. Nel 1990 ha diretto la commedia Alice, dove tornano le suggestioni della magia e del paranormale presenti anche, insieme ad altre tematiche morali e filosofiche, nel successivo Ombre e nebbia (1991), che per la sua ambientazione mitteleuropea e per la scelta della fotografia in bianco e nero ? forse il film pi? sofisticato diretto da Allen in questo periodo. Nel 1992 il regista ha affrontato il tema della difficolt? nei rapporti matrimoniali in Mariti e mogli, film apparso quasi autobiografico per la concomitanza della sua uscita con il divorzio tra il regista e Mia Farrow, interprete di molti suoi film a partire dal 1982. Successivamente ? tornato alla commedia - thriller con Misterioso omicidio a Manhattan (1993) e Pallottole su Broadway (1994), nel quale ironizza sul mondo dei gangsters degli anni Trenta e su quello, a lui caro, del teatro di prosa. Con La dea dell'amore (1995) ? tornato ad un tipo di commedia pi? classico, anche se ricco di espedienti narrativi inediti, come inedito ? il ritorno al musical di Tutti dicono I love You(1996). Autore prolifico ha inoltre nel 1997 Harry a pezzi, commedia amara sulla crisi esistenziale di un regista cinematografico, Celebrity (1998), Accordi e disaccordi(1999) e Small Time Crook (2000). Ha partecipato con una piccola parte a Una spia per caso di Askin e Mcgrath. Nel corso della sua carriera Allen si ? imposto come uno dei pi? originali comici cinematografici, creando il tipo del newyorkese medio di cultura ebraica, continuatore della tradizione di Harold Lloyd e dei fratelli Marx. Nonostante i suoi film abbiano da sempre maggior successo in Europa, Allen ? comunque uno dei maggiori cineasti americani della sua generazione, soprattutto per la versatilit? dimostrata nell'affrontare diversi generi. Il suo stile inconfondibile ha portato la critica a coniare il termine commedia alleniana, con il quale si ? ormai soliti definire quelle commedie (di altri autori) che fanno di una comicit? raffinata e originale il loro punto di forza.




Woody Allen Spring Project 2001 (2002)

The Curse of the Jade Scorpion, (2001)

Small Time Crookscriminali da strapazzo (2000)

Sweet and Lowdown (1999)

Celebrity (1998)

Deconstructing Harry-harry apezzi (1997)

Everyone Says I Love You (1996)

Mighty Aphroditela dea dell'amore (1995)

Don't Drink the Water (1994) (TV)

Bullets Over Broadway-pallottole su broadway (1994)

Manhattan Murder Mystery-misterioso omicidio a Manhattan (1993)

Husbands and Wives (1992)

Shadows and Fog-ombre e nebbia (1992)

Alice (1990)

Crimes and Misdemeanors-crimini e misfatti (1989)

New York Stories (1989) (segment 3)

Another Woman-un'altra donna(1988)

September-settembre (1987)

Radio Days (1987)

Hannah and Her Sisters-hannah e le sue sorelle (1986)

The Purple Rose of Cairo, la rosa purpurea del cairo (1985)

Broadway Danny Rose (1984)

Zelig (1983)

A Midsummer Night's Sex Comedy,-una commedia sexy in una notte di mezza estate (1982)

Stardust Memories (1980)

Manhattan (1979)

Interiors (1978)

Annie Hall (1977)

Love and Death-amore e guerra (1975)

Sleeper il dormiglione (1973)

Everything You Always Wanted to Know About Sex (1972)
... aka Everything You Always Wanted to Know About Sex But Were Afraid to Ask (1972)

Men of Crisis: The Harvey Wallinger Story (1971) (TV)Bananas (1971)


Take the Money and Run-prendi i soldi e scappa (1969)

What's Up, Tiger Lily? (1966)








"Per te sono ateo, ma per Dio sono una leale opposizione"

"Al gioco sono sfortunatissimo. Sono l'unico al mondo cui capita una mano di poker con cinque carte senza che ce ne siano due dello stesso seme"

"Avevo una ragazza e dovevamo sposarci, ma c'era un conflitto religioso. Lei era atea e io agnostico. Non sapevamo senza quale religione educare i figli"

"Oh, sei in analisi". Si' da 15 anni". "15 anni? ". "Si', adesso gli do un altro anno di tempo e poi vado a Lourdes"

"Il sesso senza amore e' un'esperienza vuota, ma con le esperienze vuote che corrono di questi tempi...".

"Non sono un atleta. Ho cattivi riflessi. Una volta sono stato investito da un'auto spinta da due tizi".

"Il mio primo film era cosi' brutto che in sette Stati Americani aveva sostituito la pena di morte."

"Nixon era un bravo Presidente, pero' quando usciva dalla Casa Bianca il servizio d'ordine contava l'argenteria"

"Sono stato picchiato, ma mi sono difeso bene. A uno di loro gli ho rotto la mano; mi ci e' voluta tutta la faccia, ma ce l'ho fatta!"

"Leonard Zelig veniva spesso picchiato dai genitori. La famiglia Zelig abitava sopra a un bowling, ma erano spesso gli avventori del bowling a protestare per il troppo rumore"

"M'innamorai subito di lei, dopo un quarto d'ora avevo deciso di non rubarle piu' la borsetta"

"Amare e' soffrire. Se non si vuol soffrire non si deve amare. Pero' allora si soffre di non amare, pertanto amare e' soffrire, non amare e' soffrire e soffrire e' soffrire. Essere felici e' amare, allora essere felici e' soffrire, ma soffrire ci rende infelici, pertanto per essere infelici si deve amare o amare e soffrire o soffrire per troppa felicita'... io spero che TU stia prendendo appunti..."

"Zelig racconta: "Ho 12 anni. Vado alla sinagoga. Chiedo al rabbino qual e' il significato della vita. Lui mi dice qual e' il significato della vita. Ma me lo dice in ebraico. Io non lo capisco, l'ebraico. Lui chiede 600 dollari per darmi lezioni di ebraico"

"E' sporco il sesso? Certo, ma solo se e' fatto bene"Linda: "Ma tu ti cuoci solo cibi surgelati?". Allen: "Cuocerli? E chi li cuoce? Io neanche li scongelo. Li succhio come se fossero ghiaccioli!".

"Ricordo gli insegnanti della scuola pubblica che frequentavo. Ecco c'era un detto da noi che diceva: 'Quelli che non sanno far niente insegnano, e quelli che non sanno neanche insegnare, insegnano ginnastica"
Ultima modifica di carlo il 03/11/2004, 3:40, modificato 1 volta in totale.

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

Woody Allen

Messaggio da leggere da kurtz » 27/08/2004, 19:33

quando ? in forma WOODY non lo ferma nessuno.... il suo problema per? ? che fa un film all'anno e questo ? un ritmo improponibile per chi vuole fare dell'arte (almeno io la penso cos?). Se solo fosse meno prolofico riuscirebbe a ottimizzare il suo genio e a realizzare opere migliori di quelle ultime - che francamente hanno al massimo un paio di guizzi.
Comunque i suoi film che preferisco sono: IO E ANNIE, MANHATTAN e CRIMINI E MISFATTI, PRENDI I SOLDI E SCAPPA.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Woody Allen

Messaggio da leggere da carlo » 28/08/2004, 14:18

per me a met? carriera, poco dopo, ? finito. Ora mi fa quasi tristezza... una copia sbiadita di se stesso.
I film che ho preferito sono "tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso e non avete mai osato chiedere" e "bananas"

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Woody Allen

Messaggio da leggere da DevilMaster » 29/08/2004, 4:40

Trovo che Woody Allen abbia fatto il suo tempo. Secondo me, e sottolineo il secondo me (non mi aggredite, insomma), ha fatto fortuna quando le sue psicosi e la paura di "esagerare" contenevano il suo vero io. Con la fortuna e la notoriet? ha perso ogni freno e ha tirato fuori il suo vero io: una persona squallida, complessata e megalomane ingiustificatamente. Ovviamente ? un mio parere, ma, seppur non posso criticare film come "Io e Annie", "Crimini e MIsfatti" o film tipo "Prendi i soldi e scappa" e "Bananas", l'autore, proprio come persona, mi ha sempre donato un indistinguibile senso di nausea nei suoi confronti. Ha fatto grandi film, ma non mi piace la persona. Ovviamente, da un punto di vista artistico, non significa niente, per?, permettetemi di non esser stupito della sua dipartita. ;)
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Woody Allen

Messaggio da leggere da carlo » 17/01/2006, 19:17

ho visto ieri match point....

concordo con devil: DIPARTITA

regista finito, film sostanzialmente inutile...

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

Woody Allen

Messaggio da leggere da kurtz » 20/01/2006, 0:56

visto stasera... mi avevano detto che era un gioiello... mah!!! salverei solo l'ultima mezz'ora...

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Woody Allen

Messaggio da leggere da carlo » 20/01/2006, 2:46

l'ultimo secondo kurtz... lui che guarda fuori dalla finestra e pensa "dio mio che palle" :lol: :lol: :lol:

si salva una cosa sola nel film:

Immagine

grande attrice, mi piace pure, ma cavolo... l'hanna fatta doppiare con un voce che la storpia.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Woody Allen

Messaggio da leggere da carlo » 20/01/2006, 2:47

ps: una profezia, scarlett durer? nel tempo... non ? attrice di sola, lampante, intrigante bellezza, ma brava in pi? ruoli. Un consiglio: basta film con Allen.

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

Woody Allen

Messaggio da leggere da kurtz » 20/01/2006, 19:07

...e invece sembra che anche il prossimo lo faranno insieme :?

comunque lei ? un vero spettacolo... peccato davvero per il doppiaggio: sembrava una battona alcolizzata!
molto brava davvero, grandissima carica sensuale... ma perch? diavolo non ? iscritta la forum? :D

Rispondi