Sergio Leone

Filmografie e biografie dei grandi registi
Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da DevilMaster » 15/05/2004, 14:34

Once Upon a Time in America (1984)
... aka C'era una volta in America (1984) (Italy)

Genio, due compari, un pollo, Un (1975) (uncredited)
... aka Genius, The (1975)
... aka Genius, Two Friends, and an Idiot, A (1975) (USA)
... aka Genius, Two Partners and a Dupe, A (1975)
... aka Nobody ist der Gr??te (1975) (West Germany)
... aka Nobody's the Greatest (1975) (video title)
... aka Trinity Is Back Again (1975) (USA)
... aka Un g?nie, deux associ?s, une cloche (1976) (France)

Mio nome ? Nessuno, Il (1973) (uncredited)
... aka Lonesome Gun (1974) (USA)
... aka Mein Name ist Nobody (1973) (West Germany)
... aka Mon nom est personne (1973) (France)
... aka My Name Is Nobody (1974) (USA)

Gi? la testa (1971)
... aka Fistful of Dynamite, A (1972) (UK) (USA: alternative title)
... aka C'era una volta la rivoluzione (1971) (Italy)
... aka Duck, You Sucker (1972) (USA)
... aka Once Upon a Time... the Revolution (1971)

C'era una volta il West (1968)
... aka Once Upon a Time in the West (1969) (USA)
... aka There Was Once the West (1969) (USA: literal English title)

Buono, il brutto, il cattivo, Il (1966)
... aka Bo, el lleig i el dolent, El (1966) (Spain: Catalan title)
... aka Bueno, el feo y el malo, El (1966) (Spain)
... aka Good, the Bad and the Ugly, The (1967) (USA)
... aka Good, the Ugly, the Bad, The (1967) (USA: literal English title)

Per qualche dollaro in pi? (1965)
... aka For a Few Dollars More (1967) (UK) (USA)
... aka F?r ein paar Dollar mehr (1966) (West Germany)
... aka For Some Dollars More (1965) (International: English title)
... aka Muerte ten?a un precio, La (1966) (Spain)
... aka Por unos cuantos d?lares m?s (1966) (Spain)
... aka Por unos pocos d?lares m?s (1966) (Spain)

Per un pugno di dollari (1964) (as Bob Robertson: European prints)
... aka F?r eine Handvoll Dollar (1965) (West Germany)
... aka Fistful of Dollars, A (1967) (USA)
... aka For a Fistfull of Dollars (1964) (UK)
... aka Por un pu?ado de d?lares (1964) (Spain)

Avanti la musica (1962) (uncredited) (some scenes)
... aka Cambio della guardia, Il (1962) (Italy: alternative title)
... aka En avant la musique (1962) (France)

Sodom and Gomorrah (1962) (uncredited)
... aka Sodoma e Gomorra (1962) (Italia)
... aka Last Days of Sodom and Gomorrah, The (1963) (USA)
... aka Sodome et Gomorrhe (1962) (France)

Colosso di Rodi, Il (1961)
... aka Coloso de Rodas, El (1961) (Spain)
... aka Colosse de Rhodes, Le (1961) (France)
... aka Colossus of Rhodes, The (1961) (USA)

Ultimi giorni di Pompei, Gli (1959) (uncredited)
... aka ?ltimos d?as de Pompeya, Los (1960) (Spain)
... aka Last Days of Pompeii, The (1960) (USA)
... aka Letzten Tage von Pompeji, Die (1959) (West Germany)


I film citati in questa filmografia sono esclusivamente quelli di cui Wim Wenders ha curato la regia. Sono omessi tutti quelli a cui ha partecipato in altra veste (storia, produzione, scenografia, etc).
Per saperne di pi?, cliccate sul link sottostante.
http://www.imdb.com/name/nm0001466/
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 15/05/2004, 14:47

ehm.... wim wenders? :lol: se "c'era una volta il west" lo faceva wim wenders veniva due palle....

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 15/05/2004, 14:48

Comunque, c'era una volta in america, ? davvero un capolavoro...

Stefano Jacurti
Penna Bic
Penna Bic
Messaggi: 22
Iscritto il: 13/11/2004, 9:53
Località: Roma

Sergio Leone

Messaggio da leggere da Stefano Jacurti » 26/11/2004, 1:54

PER UN PUGNO DI DOLLARI, 1964. Quando Sergio Leone cerc? una produzione per girare "Per un pugno di dollari" pochi furono a credere nel suo progetto. Molti ironizzarono soprattutto sul fatto che nel film non c’erano donne o meglio non c’erano ruoli importanti per un personaggio femminile di rilievo per cui un western senza donne non si poteva fare. Per quel che riguarda il film molti credevano che questo western fosse comico e fu proposto a Leone di cambiare la sceneggiatura, inserire delle situation comedy e affidare il ruolo di attori protagonisti a Tognazzi e Vianello. Alla fine una piccola produzione si trova ma paradossalmente non si trova a Roma un cinema dove poter far uscire il film poich? nessuno ? disposto a rischiare. La disponibilit? la offre un piccolo cinema di Firenze nei pressi della stazione. Poi il boom. Per il protagonista Leone cerca James Coburn ma l’attore per fare il film vuole 25.000 dollari. Il budget ? basso e si pu? arrivare al massimo a 15.000 ma guardando una pellicola giunta dagli States “Rawhide” un serial western di successo concorrente di “Bonanza”, Leone nota un giovanotto imberbe con la faccia da duro: Clint Eastwood. Ingaggio: 15.000 dollari. Il film viene realizzato in 6 settimane di lavorazione tra gli interni a Cinecitt? e gli esterni in Spagna a 40 km da Madrid. Il luogo ? "La perizia" di Colmenar Viejo, un piccolo paesino. A pochi giorni dalla fine del film a Leone mancano i fondi. Non ci sono pi? soldi per girare la scena finale della sparatoria con Ramon ed i suoi in Almeria ma Don Jos? mette a disposizione il suo villaggio western a credito grato del fatto che il regista, girandovi il film, valorizza il deserto di Almeria e tutta la zona circostante. La produzione intanto vuole, vista la presenza di un attore americano, che il regista e alcuni attori nei titoli di testa cambino nome, cos? Sergio Leone diventa Bob Roberson e Volont? si trasforma in Raul Welsh ma il film va alla grande, le sale si riempiono fino all’inverosimile e visto l’inaspettato successo si ristampano in fretta e furia i titoli del film con i nomi originali del regista e di Volont?. Leone per questo film ? costretto a pagare a Kurosawa una penale per i diritti d’autore poich? il film segue di pari passo la trama della “Sfida del samurai” (Yojimbo) che il regista romano ha visto e da cui trae la sceneggiatura. Il successo ? enorme ma circa il 50% degli introiti vanno a Kurosawa. Per un pugno di dollari ? il film pi? povero del regista italiano ma ? ormai un vero cult per cinefili, un western che nel 1964 cambi? il modo di fare i western, un modo nuovo con la soggettiva della colt che spara in evidenza, con musiche accattivanti, con sguardi lunghi ed intensi, con primissimi piani, con il rumore degli speroni tintinnanti, con i balletti di morte, con "L’uomo senza nome" che viene fuori avanzando dal nulla dopo l’esplosione di una carica di dinamite e con"l'uomo dagli occhi di ghiaccio" doppiato in Italia da Enrico Maria Salerno che gioca una guerra di nervi con un messicano psicopatico lanciando sentenze e promesse di vendetta prima di far cantare la calibro 45.

PER QUALCHE DOLLARO IN PIU’, 1965. Visto il successo di “Per un pugno di dollari” Leone l’anno dopo si imbarca in una nuova avventura. Per il secondo film della trilogia del dollaro oltre a confermare Eastwood e Volont? si ricorda di un grandissimo caratterista dei grandi western americani: Lee van Cleef. All’inizio Cleef sembra sparito nel nulla, gli emissari della produzione non riescono a rintracciarlo, infine l’attore viene scovato in una clinica di Los Angeles dove si ? dato alla pittura durante il periodo di disintossicazione. Lo trovano con un soprabito grigio, il sorriso un po’ stanco e gi? di morale poich? da qualche anno non lavora ma Leone non ha dimenticato quel ghigno di "Mezzogiorno di fuoco", il capolavoro di Zinnemann. Cos? Cleef viene ingaggiato ed insieme a Eastwood, Volont?, Coburn, Steiger, Wallach (gli attori degli altri film) diventer? leggenda. Sergio Leone e Lee Van Cleef tornano a Roma e mentre sull’aereo l’attore americano dorme profondamente, Leone non chiude occhio. Riuscir? a convincere i pi? scettici? In questo film c’? anche una piccola ma intensa partecipazione di Klaus Kinsky nella parte di un pistolero gobbo. Questo film giover? moltissimo a Kinsky che sar? “travasato” insieme allo stesso Cleef in tantissimi altri western non Leoniani che da l? a poco, sull’onda del successo, esploderanno. Dopo il successo di "Per un pugno di dollari", per Leone ? un trionfo. "Per qualche dollaro in pi?" viene venduto in 26 paesi e gli americani incuriositi da questo nuovo fenomeno battezzano il genere " spaghetti-western" visto che proviene dall’Italia. Ci? si riveler? un errore poich? con la sua forza autorale Leone dimostrer? di essere un pianeta completamente a parte rispetto ai pur discreti Ringo, Django e company che seguiranno dopo.

Il BUONO IL BRUTTO IL CATTIVO, 1967 . E’ il primo film con un grande budget. Il successo e gli incassi dei primi due film si fanno sentire ed ecco che in questa pellicola Leone decide di raccontare la sua storia sullo sfondo della tragedia della guerra civile americana. Essendo un western gli sceneggiatori ambientano la vicenda sul fronte ovest del conflitto nel New Mexico, dove i nordisti del Colorado ed i sudisti Texani si affrontarono a Glorietta pass. Eastwood e Cleef questa volta sono affiancati dal picaresco Eli Wallach nella parte di Tuco “Il brutto” e come gi? avvenuto per i film precedenti Leone affianca agli attori Usa caratteristi ed attori di teatro italiani come Luigi Pistilli nella parte di un frate fratello di Tuco, e Aldo Giuffr? che con un cameo indimenticabile fornisce una grande prova d’attore nel ruolo di un capitano nordista alcolizzato e disincantato che guida l’assalto dell’Unione ad un ponte conteso. La sequenza del ponte che salta in aria viene girata per caso. Un uomo delle maestranze appostato ed in attesa dell’ordine della troupe, forse per un equivoco fa brillare improvvisamente le mine senza preavviso… Il ponte salta in aria, tutti restano allibiti aspettando la reazione di Sergio Leone. Ma il regista non si muove. Tonino Delli Colli direttore della fotografia si precipita mortificato e disperato dal regista urlando e piagnucolando “A S?... E mo che famo?". L’esplosione prematura del ponte ? un danno per tutti, ci vorrebbero almeno altri 15 giorni per riedificarlo con i costi del film che schizzerebbero alle stelle. Nessuno sa per? che quella mattina Leone appena giunto sul set ha dato disposizioni affinch? le cineprese iniziassero a girare senza ciak… "Tanto per scaldarci un po’" aveva detto e cos? l’esplosione del ponte ? stata lo stesso immortalata dalla pellicola, ma nessuno tra le maestranze della disperata troupe ancora lo sa, attori compresi. "A S? e mo che famo?" Risposta di Sergio Leone con sogghigno soddisfatto: "Famo pausa!" C’e stato per "Il buono il brutto il cattivo" un accurato studio delle divise della guerra civile americana sul fronte ovest, delle armi, e delle artiglierie; inoltre personaggi storici come il colonnello unionista Canby e il generale confederato Sibley vengono citati alcune volte durante il film. "Il buono il brutto ed il cattivo" inizia a dare al regista non pi? solo la caratteristica di geniaccio da cult ma anche la certezza di evolversi verso un completamento, verso pellicole a pi? ampio respiro, verso un tipo di cinema di grande spessore.

C’ERA UNA VOLTA IL WEST, 1968 . Definito da molti il capolavoro western di Sergio Leone. In questa occasione nella sceneggiatura del film c’? una novit?. Sar? una donna il fulcro di tutto il plot. Leone chiama la bella Claudia Cardinale nel ruolo di Jill una ex prostituta. Osservando molti film western il regista decide di ingaggiare Charles Bronson e interpellato sul perch? di quella scelta risponde ”Perch? con quella faccia ferma le locomotive”. Ad interpretare il cattivo Frank ? Henry Fonda eroe di tanti film (indimenticabile in “Sfida infernale" e nel “Massacro di Fort Apache”). Fonda si presenta sul set con baffi e lenti a contatto scure per essere pi? truce ma Leone dopo qualche giorno decide che tutto quel travestimento non serve. Vuole proprio il solito volto di Fonda affinch? faccia da contrasto con il personaggio che deve interpretare e che il pubblico non ? abituato a vedere in lui: uno spietato assassino. C’? anche Jason Robards uno dei pi? grandi attori americani "shakespeariani" nel ruolo di Cheyenne, bandito dal cuore d’oro. Per i personaggi di contorno ecco due grandi del teatro: Paolo Stoppa (il matto) e Gabriele Ferzetti (straordinaria interpretazione di Mister Ciuff Ciuff). Tutto ? pronto e si riparte per Almeria (Spagna) dove tra l’altro le produzioni italiane stanno girando molti film anche con Giuliano Gemma, Franco Nero, Tomas Milian, Klaus Kinsky, Lee Van Cleef, tutti travasati dopo il successo dei film leoniani, nei film di Corbucci, Tessari, Castellari, Valeri, Colizzi ed altri. Leone non fa mai mancare alla troupe nulla neanche in pieno deserto. Un giorno Robards si confida con Bronson. C’e una tavolata imbandita di tutto il ben di Dio. Paella, Spaghetti in abbondanza. “Charles siamo venuti per girare o per mangiare?” dice al collega. “Zitto. Un’occasione del genere non ci capiter? pi?!", risponde Bronson. "C’era una volta il west" incasella subito un record: quello dei titoli pi? lunghi della storia del cinema. Per l’apertura del film con l’attesa alla stazione Leone avrebbe voluto tutt’altra situazione. Infatti gli uomini che aspettano l’arrivo del treno da dove scender? “armonica” dovrebbero essere interpretati da Clint Eastwood, Lee Van cleff ed Eli Wallach. Con quella metafora (i tre vengono tutti uccisi da armonica) Leone vuole uccidere i personaggi dei suoi precedenti western poich? il suo ultimo film racconta la fine della frontiera americana. L’idea viene subito proposta ai primi due che accettano subito ma Clint Eastwood vuole tanti soldi. Ormai ? una star grazie al successo de "Il buono il brutto il cattivo" che negli States ? diventato a tal punto un cult da far pronunziare a Bob Kennedy in piena campagna elettorale “Mio fratello ? il buono, Nixon ? il brutto e Mac Namara ? il cattivo". Non se ne fa niente anche perch? inserire nel cameo solo i primi due non avrebbe senso. Leone ripiega quindi su Woode Stroode, Jack Palmer e uno dei caratteristi del film precedente. Alcune sequenze come quella di Jill ed il matto sul calesse vengono girate nella Monument Valley, il regno di John Ford. Alla sceneggiatura del film lavorano Bertolucci e un giovane timido ed introverso che dimostra del talento: si chiama Dario Argento e l’invenzione e la caratterizzazione nella sceneggiatura del personaggio di Armonica ? frutto del suo lavoro. “Stasera Sergio Leone ? venuto a casa mia!” racconter? un Argento incredulo ed entusiasta agli amici. "C’era una volta il west" ? per Leone il funerale del western, la fine della frontiera, (tema che sar? caro anche a Peckimpah), la fine dei sogni di un bimbo. La colonna sonora del film ? di Ennio Morricone che con Leone forma una coppia indivisibile. Questa volta il maestro lascia campane, scacciapensieri e fischi e compone un vero poema musicale. La voce che gorgheggia soavemente sulle immagini del film e che d? un tocco epico all’atmosfera ? quella di Edda Dell’Orso attrice (molto teatro poco cinema) e cantante. Questa artista ingiustamente dimenticata dar? ancora la sua voce per il successivo e non programmato film di Leone: "Gi? la testa".

GIU’ LA TESTA, 1971. Iniziato come un film da fare per forza "Gi? la Testa" resta una delle migliori opere Leoniane. Dopo C’era una volta il west Leone si mette al lavoro per preparare un grande sogno quello che poi sar? il suo capolavoro assoluto ed in fondo un suo testamento: "C’era una volta in America". Lo spunto nasce da un romanzo di Harry Grey, "A mano armata”, in cui si narrano le gesta di alcuni ragazzi ebrei durante l’epoca del proibizionismo. Il tutto ? ormai pi? che un'idea ma a cambiare le cose in corsa arriva la produzione che esige dal regista un altro western. Ormai il prodotto “tira” ma Leone non vorrebbe essere coinvolto nella regia, ma solo come co-produttore. L’idea sarebbe quella di affidare la regia del film a Peter Bogdanovich che contattato si presenta a Roma con la bella moglie convinto di dover fare un film alla VIVA VILLA! O VIVA ZAPATA, trattandosi della rivoluzione messicana, ma le cose cambiano del tutto quando Rod Steiger e James Coburn, gi? ingaggiati, accettano di fare il film solo se a dirigerlo sar? proprio Sergio Leone o stracceranno il contratto e cos?, dopo poco tempo, Leone si ritrova sul set di questo film. Una delle sue opere pi? intense. Ennio Morricone compone una colonna sonora che diventer? famosa in tutto il mondo coadiuvato dai gorgheggi melodici di Edda dell’Orso. Indimenticabile il suo Sean- Sean. Mentre si gira in Almeria – Spagna che ormai ? diventata una piccola Hollywood, viene costruito dalla troupe un ponte che bisogner? far saltare in aria nella sequenza di Juan e John rimasti in retroguardia con le due mitragliatrici ad attendere i regulares di Huerta. Un bel mattino i pastori della zona, increduli, vedono erigersi un ponte nuovo di zecca nella zona. Questo d’ora in poi permetter? loro di accorciare sensibilmente un lungo tratto di strada che li costringe ogni volta a fare un lunghissimo giro con il gregge. Un bel giorno per? il ponte salta in mille pezzi ed i pastori ignari della presenza della troupe si presentano ad Almeria citt? chi protestando contro il sindaco per l’abbattimento del ponte, chi spaventato a morte pensando ad un attentato. In citt? faticano non poco a spiegare ai pastori spagnoli che quel ponte serviva solo per fare un film… e basta. "Gi? la testa" non ? un elogio della rivoluzione come ”Vamos a Matar Companeros”, ”Quien Sabe”, “Tepepa”, ”Il Mercenario” ed altri film pur discreti e con ottimi attori. Leone si distacca dalla passione ideologica che sfrutter? (e molto bene) il western?terzomondista per urlare una protesta mascherata da western ed il film non ? neanche un film sulla rivoluzione messicana vista con l’ottica americana (Viva Villa) come gi? detto. "Gi? la testa" ? un film disilluso e malinconico sulle rivoluzioni ma anche sull’amicizia, sul tradimento, sui primi bilanci amari della vita.
Seguir? C'era una volta in America, polvere di stelle di un grande cinema.
---------------------------------
Per te Sergio con affetto.

Immagine
o West young man...

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 26/11/2004, 2:30

Un commento veramente interessante...
un regista di indiscutibili qualit?, un piacere vedere che ? amato, perch? ? uno di quei nomi di cui troppo spesso ci si dimentica.

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da DevilMaster » 26/11/2004, 4:35

Molto interessante. :)Bella, Carle'.
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 26/11/2004, 13:39

ben tornato Devil! Il cinclub sentiva la tua mancanza.... :cry:

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da DevilMaster » 26/11/2004, 19:22

Gi?, sto diventando pi? fantasma, che diavolo. ;)
Lo sai come sono, no? Questo ? un periodo in cui sono pi? dedito allo studio di applicazioni informatiche che ad altro. Ma torner?. :)
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

R: Sergio Leone : Filmografia

Messaggio da leggere da carlo » 28/11/2004, 2:32

Mi raccomando devil... sa che il suo contributo al cineclub ? graditissimo,
anche se interventi come quello di jacurti... :D

Immagine


Immagine

Immagine

Stefano Jacurti
Penna Bic
Penna Bic
Messaggi: 22
Iscritto il: 13/11/2004, 9:53
Località: Roma

Sergio Leone

Messaggio da leggere da Stefano Jacurti » 28/11/2004, 22:41

ti ringrazio Carlo davvero per? non sono in concorrenza con nessuno. Il cineclub ? una bella iniziativa e va benissimo cos? :D leggo le biografie e le discussioni con piacere. :wink:
o West young man...

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 29/11/2004, 0:45

ma si scherzavo, era un modo per invogliare devilmaster a ripassare spesso come una volta... :D fermo restando che il mio commento era sincero!

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

Sergio Leone

Messaggio da leggere da kurtz » 29/11/2004, 20:41

C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA a parte
il film di Leone che amo di pi? ? GIU LA TESTA :D
comunque un grande maestro, pi? di una volta 'scippato' dal tarantino e anche dal john woo(doo) -

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da DevilMaster » 05/12/2004, 13:39

Come capirai dal msg privato che ti ho mandato, si ? aggiunto un motivo in pi? per la mia scarsa grafomania. Passare, passo pure, ma scrivere tanto diventa un po' pi? complicato. Chiedo scusa a Jacurti per aver ringraziato Carlo per dei commenti scritti invece da, appunto, Jacurti. Ho fatto confusione e pensavo li avesse scritti Carlo. :oops: per cui rimedio con un: bella Jacu'!:-)
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Stefano Jacurti
Penna Bic
Penna Bic
Messaggi: 22
Iscritto il: 13/11/2004, 9:53
Località: Roma

Sergio Leone

Messaggio da leggere da Stefano Jacurti » 05/12/2004, 16:26

no problem. :) :wink:
o West young man...

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Sergio Leone

Messaggio da leggere da hombre sincero » 11/12/2004, 23:38

[quote=""carlo""]ehm.... wim wenders? :lol: se "c'era una volta il west" lo faceva wim wenders veniva due palle....[/quote]

Ma cosa t'ha fatto mai il buon vecchio Wim???

Un applauso, anzi un bel ruggito per Sergio Leone GRRRRrrRRRR
Hombre Sincero

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 12/12/2004, 4:37

No niente, per carit?, ? che un po mi assonna, e non ce lo vedo a dirigire clint eastwood nella steppa...

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Sergio Leone

Messaggio da leggere da hombre sincero » 18/12/2004, 22:43

Perche' no, con sotto un bel rock progressivo che spinge :wink:
Hombre Sincero

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

R: Sergio Leone : Filmografia

Messaggio da leggere da carlo » 21/02/2005, 2:13

Mi son rivisto stasera su la7 c'era una volta in America...

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Che film... Ogni volta che lo vedo, mi piace di pi?. Pi? cresco e pi? guardando un film mi distacco dalla storia, e mi perdo nel colore, nella luce, nel movimento, nell'espressione... questo ? uno di quei film con cui pi? facilmente riesco a lasciarmi andare.

http://www.activitaly.it/immaginicinema/leone/leone.htm

Titolo: C'era una volta in America (Once Upon a Time in America)

Regia: Sergio Leone

Sceneggiatura: Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Enrico Medioli, Franco Arcalli, Franco Ferrini, Sergio Leone

Fotografia: Tonino Delli Colli

Interpreti: Robert De Niro, James Woods, Elizabeth McGovern, Treat Williams, Tuesday Weld, Joe Pesci, Burt Young, Danny Aiello, William Forsythe, James Hayden, Darlanne Fluegel, Larry Rapp, Dutch Miller, Robert Harper, Richard Bright

Nazionalit?: USA - Italia, 1984

Durata: 3h. 58'

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

R: Sergio Leone : Filmografia

Messaggio da leggere da kurtz » 21/02/2005, 21:19

purtroppo mi son rivisto solo gli ultimi 40 minuti... e son bastati per incantarmi anche stavolta (il finale con de niro al teatro cinese che fuma oppio ? uno dei miei preferiti in assoluto)
? un film che mio padre mi fece vedere a 13 anni! e da allora l'ho rivisto un paio di volte. Davvero splendido!

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Sergio Leone

Messaggio da leggere da carlo » 21/02/2005, 22:00

e quel sorriso... quel sorriso di de niro alla fine... Dio mio! Fantastico davvero!

riformato
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Messaggi: 1
Iscritto il: 05/02/2007, 4:41

Sergio Leone

Messaggio da leggere da riformato » 05/02/2007, 4:46

sergio leone, il più grande di sempre....
grazie per le sue opere d'arte....

Rispondi