Franco Califano

gruppi canzoni e concerti
Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Franco Califano

Messaggio da leggere da carlo » 28/09/2004, 12:55

Immagine

un vero mito per me, non mi nascondo nel definirlo un vero Cantautore, un artista completo, capace di passare da canzonette comiche a tragiche poesie, un personaggio fantastica, che ha cavalcato gli anni 70/80 tra sesso e cocaina, un genio che sta subendo una riscoperta notevole da parte dei giovani, e che merita tutto il nostro rispetto.
A me certe sue canzoni mi fanno morire dal ridere, ma non sottovaluto la grande poesia di testi come "pier carlino" o "er tifoso".



1962 " Ti raggiunger? " (45 giri)

1972 " Un bastardo venuto dal sud "

1973 " L' evidenza dell' autunno "

1975 " Secondo me l' amore "

1975 " 24.7.75 Califano in concerto dalla Bussola di Viareggio "

1977 " Tutto il resto ? noia "

1977 " Tac "

1979 " Ti perdo "

1980 " Tuo Califano "

1981 " La mia libert? "

1982 " Buio e luna piena "

1982 " Califano in Concerto dal Blue Moon di Ogliastro Marina "

1983 " Io per amarti "

1984 " Impronte digitali "

1985 " Ma cambier? "

1987 " Il bello della vita "

1988 " Io "

1989 " Coppia dove vai "

1990 " Califano "

1991 " Se il teatro ? pieno "

1992 " Franco Califano in concerto dal Blue Moon di Ogliastro Marina 2 "

1994 " Ma io vivo "

1995 " Giovani Uomini "

1999 " Tu nell'intimit? "

Immagine
FRANCO CALIFANO

Franco Califano ? nato a Tripoli il 14 settembre 1938, accadimento del tutto casuale in quanto legato ad uno scalo aereo.
La sua infanzia ? stata caratterizzata da mille vicissitudini che lo hanno spinto verso una dimensione artistica esaustiva della sua costante ricerca di libert? interiore.
Dopo le scuole dell'obbligo ? stato costretto ad iscriversi al corso serale di Ragioneria all' Istituto "Ludovico Ariosto", questo semplicemente perch? non riusciva a svegliarsi presto la mattina.
Califano ha sempre amato la notte.
Nonostante abbia sempre studiato con diligenza, Franco ha sempre anteposto l'esperienza di vita vissuta alla relativa importanza di qualsiasi teoria.
Non rimpiange quei giocattoli che mai vide e quella stessa mancanza ha forgiato e irrobustito un uomo che ? poi passato tra le fiamme senza ustionarsi, soffrendo con eleganza e dignit?.
Il contatto per lui vitale, con la sfera artistica si mostr? immediatamente proficuo, in molti dimostrarono di credere nella vena creativa che spaziava per ogni settore dello scibile.
Dimostra subito di sapere "quello che non si conosce", usava e usa dire, "? quello che nella vita non serve". Molti critici, profondamente onesti, affermarono subito che dai testi affiorava quella filosofia che coinvolge e rende eterni.
Esaurito un periodo determinante della nostra storia musicale, Califano si ritrova a contestare l'epoca cantautorale. Lui che preferisce da sempre la qualit? alla quantit?, vede passare avanti falsi messia e mistificatori, ma non cede per evitare di spersonalizzarsi. Solo per questo oggi fatica di meno a gestire un costante successo e le sue convinzioni non si rivelarono un errore. Di l? a poco alcune frasi, tratte dalle canzoni, divennero veri slogan, entrarono nel linguaggio giornalistico. E il successo prosegue.
I giornali scrivono "Califano il Prevert di Trastevere", "Brel romanesco", Pasolini della canzone", "Belli di quest'epoca", "Personaggio kafkiano". E poi c'? la filosofia di Califano, la canzone, forse la pi? nota del suo repertorio, "Tutto il resto ? noia" ? stata oggetto di discussione nell'ora di filosofia in molte scuole Italiane.
Ha all'attivo oltre venti albums e tante canzoni di successo scritte per altri, quali "La musica ? finita" e "Una ragione di pi?" interpretate da Ornella Vanoni, "E la chiamano estate" cantata da Bruno Martino, "Un grande amore e niente pi?" cantata da Peppino Di Capri, "Minuetto" e "La nevicata del '56" diventate cavalli di battaglia di Mia Martini.
Franco Califano ? anche scrittore, al suo attivo un libro di poesie "Voglia di vivere, voglia di morire", un secondo libro di prossima pubblicazione intitolato "Soli fino al capolinea" nel quale racconta i lati positivi della solitudine.
Franco Califano deve essere anche l'orgoglio di questo Paese, anche se la stampa non gli ha dato il giusto rilievo. Califano ? stato insignito della Laurea Honoris Causa in Filosofia all'universit? di New York "per aver scritto una delle pi? belle pagine della Canzone Italiana", recita la motivazione. Prima di lui la stessa universit? aveva donato la Laurea a Edoardo De Filippo e all'ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga.
In Italia un curioso riconoscimento gli ? stato dato dal Comune di Borbona (Rieti) il quale ha dedicato a lui una piazza, malgrado la legge non lo consenta "Piazza Franco Califano musicista e poeta" recita la targa che la cittadinanza, respingendo l'ordine della Magistratura ha rifiutato di rimuovere.
Infine, la "Storia della Canzone Romana", lo cita quale pi? grande Autore vivente per "aver scritto la pi? bella pagina della canzone dialettale Romanesca".

Immagine
Ultima modifica di carlo il 12/09/2010, 14:22, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

R: Franco Califano

Messaggio da leggere da carlo » 28/09/2004, 13:10

un ottimo link con tutti i testi:

http://members.xoom.virgilio.it/oppeam/ ... lifan2.htm

qualche esempio:


- ADESSO BASTA SO' DISTRUTTO

N'ho conosciute tante de mignotte,
ma te lo giuro tu, le freghi tutte.
So' anni che te rotoli 'n quer letto
e nun t'addormi mai senza ave' fatto.
Lavoro e butto er sangue tutto er giorno
e tu nun vedi l'ora che ritorno,
mica pe' dimme "caro, com'e' annata?"
ma pe' colleziona', 'n'artra scopata.
Er sesso e' diventato 'n ossessione!
Pe' corpa tua, c'ho trenta de pressione.
Famme cornuto, t'autorizzo io...
ma a te, te piace fa' solo cor mio.
Eppure prima d'esse' tu' marito,
nun me facevi manco move 'n dito,
m'accontentavi co' due, tre bacetti...
parevo l'omo de Maria Goretti.
Dopo che hai detto "si'", te sei concessa.
Senza aspetta' la fine della messa,
te venne 'na libbidine 'mprovvisa
e te facesti fa', fori la chiesa.
La prima vorta, 'n piedi, sotto a'r vento...
te feci male e tu? Manco 'n lamento...
dicesti "m'han parlato de dolore",
"ma che sara' quanno vera' er piacere?".
D'allora armeno tre, sera e matina,
Nun sei seconda manco a Messalina.
Come me sdrajo, zac, me zompi addosso
e a vorte pe' sarvamme, dormo ar cesso.
Ma adesso basta, basta, so' distrutto.
Chiudi la gabbia tua, metteje er lutto.
L'uccello e' morto e m'ha raccomannato,
de risparmia' le palle che ha lasciato!




BEATA TE... TE DORMI

Beata te... te dormi... come fai...
Ar monno nun c'e' donna piu' 'ncosciente
li buffi c'hanno invaso tutta casa
e tu stai li, che dormi, come gnente!
So' gia' le tre, nun c'e' 'n filo de luce
e io nun pijo sonno, nun c'ho pace
e sto a discute sempre cor cuscino come 'n cretino
mentre te dormi... dormi e te ne freghi.
Nun ce voi ave' pensieri, c'hai artro pe la testa,
tu te voi vesti' bene
pe anna' giranno co' l'amiche sceme
e l'a ffitto, er telefono, er cane?
La rata dell'armadio a cento ante pe' 7li vestiti tua?
E la cambiale della millecento?
Nun ne parlamo proprio, va... va... va...
Nun hai allattato manco er ragazzino,
"Me cala er seno - dicevi - ce so' le balie 'e gia',
io penso a tutte quante le rotture e tu?
A le smajature! (colpo di tosse)
Ah, t'ho svejata, t'ho rovinato proprio er primo sonno,
me perdoni signora se ho tossito...
Me scusi tanto se l'ho disturbata...
...............
Ma va' a mori' ammazzata!




ER GIGANTE DE CASA

Va bbe'... va bbe... ho capito.
Voi anna' a balla'.
So' pronto, annamo,
anche si nun me va', chi fiata!
Me 'nfilo 'n ber soriso
e faccio finta d'esse contento,
basta che fai bella figura te.
Io te staro' vicino bono, bono,
te guardero' balla' co' quarcun'antro,
senza di' gnente,
anche si poi c'avro' la rabbia 'n corpo,
er core e' mio
e chi se fa male so' sortanto io.
Er tempo de fa' er nodo a la cravatta,
la barba nun se vede
sta tranquilla,
pe' 'na serata
te poi accontenta'.
Er gigante! Te lo ricordi !?!?
Ero er gigante de casa
e tu pennevi dalle labbra mie,
ma che ce penzo a fa' a 'ste fesserie.
Ora nun so' nemmeno er cane tuo,
nun so' nemmeno l'ombra de 'na scarpa.
Ero er gigante de casa e dell'amore,
ora me specchio
e me faccio pieta'!
L'amore e' vita
te dicevo io;
e tu bevevi dar bicchiere mio
e me guardavi come fossi 'n Dio.
Che tempi...
Che notti...
parlassero le stelle
che c'hanno visti a letto...
Er gigante...
Ero er gigante de casa,
ora te faccio solo compagnia,
anzi, de meno ancora.
Er core mio l'hai preso
e che amarezza vedello dentro a 'n secchio
de monnezza !


- ER RITORNO DALLA GUERA

Che so' tornato a fa'...
Io non dovevo.
Sentivo de sbaja' pero' corevo!
Eccome qua' so' io... so' ritornato...
e finita la guera finalmente
e pe' fortuna io me so' sarvato.
Aoh, nun dice gnente?
Si, so' vestito ancora da sordato,
perche' ho voluto ariva' prima a casa,
pe' fatte 'na sorpresa!
Tu sei confusa,
io sto' tremanno come un ragazzino
pe' l'emozione d'essete vicino...
Me guardi fisso, ancora nun ce credi,
so' tutto intero dalla testa ai piedi,
quarche capello 'n meno come vedi,
la faccia stanca, qarche kilo 'n meno,
ma 'nzieme a te vedrai che me risano!
Un anno ar fronte sai, nun se cancella!
Tu invece, che ne so, sembri piu' bella!
Ma sai che nun te sei nemmeno accorta,
che stamo ancora fermi sulla porta?
Che nun m'hai detto manco "Bentornato",
nun m'hai abbracciato!
Sembri 'na donna che nun s'aspettava,
che l'omo suo dar fronte je tornava.
Tutto me sembri, forche' emozionata,
anzi c'hai 'n'espressione 'mpaurita,
quasi preoccupa ta!
Oddio, ma ch'e' successo?
Io sto' a parla' da solo come 'n fesso,
la guera forse m'ha rincojonito
Ma no, ho capito!
Tardi, ma ho capito!
Quest'anno quarche cosa ha combinato!
Me guardi i gradi? Si, so' Capitano!
Ero er piu' forte co' le bombe a mano.
Sai che er coraggio nun m'e' mai mancato,
volevo torna' a casa graduato,
guarda quante n'ho vinte de battaje,
la vita mia pe' 'n pugno de medaje!
Quanno attaccavo,
sapessi li nemici che stennevo,
piu' ne vedevo e piu' ne castigavo.
Sai che 'n sordato solo se e' 'ncosciente
po' diventa' in un attimo Sergente.
Poi nun t'ho scritto piu'...
avrai pensato: se lo so' fatto, e' morto e te saluto!
Proprio quanno pensavo ogni momento a te
quanno sognavo casa mia,
me feci la piu' 'nfame prigionia,
nun te potevo scrive 'n quer momento,
stavo in un campo de concentramento
a beveme li sputi der nemico,
come fossero gocce da spumante!
C'avevo gia' li gradi da Tenente!
Per fatto ch 'ero er piu' indisciplinato,
le botte che ho beccato!
Ma te pensavo e sopportavo tutto
e me dicevo: "Lei stara' soffrenno come 'na matta
ormai quasi da 'n anno!..."
Che so' tornato a fa'...
Io non dovevo...
Sentivo de sbaja' pero' corevo!
Tu nun ce devi ave' nessun rimorso
perche' pe' sbajo fui dato disperso
e si te sei rifatta 'n'artra vita,
mica hai sbajato! Armeno sei rinata!
Me lo sentivo, quanno ritornavo
solo che da 'ste parti ce passavo
e so' salito su' pe' sta' tranquillo,
ma me ne vado senza fa' macello!
No, nun di' gnen te!
Tanto er silenzio tuo m'e' sufficiente
e poi... io devo ave' sbajato porta,
forse chi cerco io, po' esse morta!
'Na donna che piagneva alla stazione
quanno partiva er Quinto Battajone.
Un anno fa' ricordo ch'era notte
e lei strillava sopra 'Ste Stellette
"perche' 'ste guerre 'nfami e maledette!"
Una che me stringeva forte, forte,
pensanno alla mia morte!
Si', si', ho sbajato! Forse ho importunato!
Io cercavo 'na donna,
che 'n anno fa' quanno salii sur treno,
se 'nvento' delle frasi disperate,
che dar cervello mio nun so' piu' uscite,
"Sordato mio, lo so che c'hai coraggio,
ma nun anna' ogni vorta all'arembaggio,
l'eroi so' solo 'n gruppo d'esaltati,
che moreno per esse' decorati,
pensa a me qui da sola, nun fa' er pazzo,
che si nun torni vivo io t'ammazzo!
Che si nun torni vivo io t'ammazzo!
Che so' tornato a fa'...
lo non dovevo...
Sentivo de sbaja'
pero' corevo!
Signora io sto' tornando dalla guera
e c'ho er morale proprio sotto tera,
nun ce capisco gnente, abbia pazienza,
perdoni intanto questa mia invadenza,
io sono il Capitano... no, me correggo,
io so' un Capitano, uno dei tanti Capitani ar monno,
e' inutile ostentallo piu' 'sto grado,
nun so' nessuno, adesso me ne vado...
Oddio, ma sento piagne un ragazzino,
dev'esse appena nato, me fa' effetto!
E' maschio?
Je vada a compra' subito l'ermetto...
oggi se nasce omini e se parte,
pe quelli fortunati c'e' la morte,
pe' quelli come me che so' jellati allora so' dolori,
vedi solo manciate de medaje
medaje sopra e sotto, medaje 'n capo al letto,
medaje dentro ar piatto,
medaje come queste che c'ho attaccate ar petto
che pe' acchiappanne tante, me so' giocato tutto.
Sa che ce faccio io
co' 'ste decorazioni che c'ho addosso?
Pe' quanto so' servite ar caso mio,
le posso butta' tutte dentro ar cesso
tanto la guera mia, la guera vera
e' quella che dovro' combatte adesso...
uno... due... tre... passo!
uno... due... tre... passo!





un artista, un poeta moderno, coraggioso, che non ? mai sceso a compromessi.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

R: Franco Califano

Messaggio da leggere da carlo » 24/11/2004, 19:21

http://213.215.144.81/public_html/rubri ... _index.htm

Purtroppo il contorno (dagospia) ? decisamente trash e inadatto a un pubblico di minorenni (ma questo non solo il contest, ma anche il testo stesso...)
Al link trovate pubblicati estratti dal libro del califfo... IMPERDIBILE!

per adulti
Ultima modifica di carlo il 25/11/2004, 2:10, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Franco Califano

Messaggio da leggere da carlo » 24/11/2004, 19:25

un esempio dei consigli del Califfo ai giovani:

"Ci sono due modi per godersi il sesso. Con la testa o col cazzo.
Sembra incredibile ma con la testa ? meglio. Limitarsi al fisico significa soddisfare d'urgenza un bisogno del momento, in realt? alla donna bisogna scopare il cervello. Solo quando lei non ha pi? difese si diventa padroni del territorio, ma non ? affatto semplice."

Avatar utente
hombre sincero
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2195
Iscritto il: 11/05/2004, 22:03
Località: Livorno

Franco Califano

Messaggio da leggere da hombre sincero » 29/05/2005, 23:05

Il Califfo e' un ganzo. E pure bravo!
Hombre Sincero

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Re: Franco Califano

Messaggio da leggere da carlo » 02/04/2013, 1:30

ho fatto in tempo a vederlo dal vivo un altro paio di volte....
Raramente lutti nel campo musicale mi han colpito così tanto, forse noi romani per certi nostri artisti maledetti proviamo un affetto tutto speciale, ciao Franco, eri un grande poeta e ci mancherai.

Avatar utente
nikita
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 485
Iscritto il: 14/01/2008, 15:24
Località: torino

Re: Franco Califano

Messaggio da leggere da nikita » 04/04/2013, 20:27

:(

Rispondi