Syd Barret

gruppi canzoni e concerti
Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da carlo » 08/07/2004, 17:46

Immagine

Roger Keith Barret, ai pi? noto come Syd, ? per me uno dei pi? geniali, importanti ed innovativi musicisti degli ultimi 50 anni. Con i pink floyd, e forse ancor pi? come solista, ha dimostrato quanto si possa fare arte anche in tempi moderni, dove la musica sempre pi? diviene fenomeno commerciale.

Immagine


Roger Keith Barret nasce il 6 gennaio 1946 a Cambridge.

A 11 anni Roger si diploma all' High School di Cambridge, manifestando un forte temperamento artistico. Sin da giovane et?, infatti inizi? a studiare pittura, dedicandosi quasi completamente a questa sua passione che presto si sarebbe trasformata in ossessione.


Era il 1957 e l' Inghilterra si trovava alle prese con la prima rivoluzione giovanile della sua storia. Erano i tempi di Elvis, del juke box, dei teddy boy e del rock 'n' roll . Cos? seguendo la moda tipica di tutti i ragazzi dell'epoca, anche lui cominci? a girare con un ricciolo sulla fronte cosparso di brillantina. Cosa  meno tipica per?, non manifest? alcun interesse per Presley; a 12 anni i suoi idoli erano Chuck Berry, Bo Diddley e Budd  Holly. A 14 anni, l'interesse di Roger per la musica raggiunse livelli ossessivi.



Accantonato un tiepido tentativo di diventare un teddy boy, per una volta in vita sua decise  di seguire una tendenza giovanile e chiese ai genitori di comprargli una chitarra.

Gli venne comprata subito una chitarra acustica e da quel momento cominci? a trascorrere ore ed ore con l' inseparabile John Gordon e un gruppo di amici nel salotto della madre,ascoltando i dischi degli Shadows e di Buddy Holly e cercando di accompagnarli con la chitarra. In breve tempo casa Barret si trasform? in una specie di club.

Ogni tanto Barret e Gordon si lanciavano in una jam estemporanea con un ragazzo di nome Clive Welham: erano gli Hollerin'Blues. Welham era un diciassettenne che frequentava spesso casa Barret, talvolta portandosi dietro un pupillo che gi? a quattordici anni era un esperto chitarrista : il suo destino sar? inesorabilmente intrecciato con quello di Syd Barret. Si chimava David Gilmour.

Barret e Gilmour fecero amicizia immediatamente e cominciarono a provare in una capanna degli scout. A partire da questo periodo tutti chiamavano Roger "Syd", soprannome che gli era stato dato al River Side, un locale Jazz dove era solito andare e dove una delle istituzioni era un anziano batterista di nome Sid Barret.

A sedici anni Syd si butta  a  capofitto nel vortice adolescenziale di festini, sigarette, bevute e sesso occasionale.



I Pink Floyd



Se l?arte figurativa restava il suo interesse principale,la musica veniva subito dopo.In questo periodo Syd entra a far parte della sua prima band: i Geoff Mott And The Mottoes. Oltre Syd e Geoff Mott, frontman del gruppo, Clive Welham era il batterista, mentre Roger Waters, figlio dell'insegnante di Syd, si mise al basso. I Mottoes si formarono, come decine e decine di alri gruppi a Cambridge, solo per divertimento e senza alcuna velleit? di successo.



Nel 1964 Barret si trasferisce a Londra per studiare arte, contemporaneamente ad uno dei suoi primi amici dell' High School, Bob Klose, promettente chitarrista jazz. A Londra c'era anche Roger Waters che doveva frequentare ancora due anni di corso.



Waters viveva in una casa di Highgate, dove andarono a vivere anche Klose, Barret e David Gilmour.

Di li a poco Waters, Klose, Barret e Mason (ex abitante della casa di Highgate) formarono un gruppo: i Leonard's Lodgers. Ci? di cui avevano bisogno era un frontman.

In un negozio di dischi Waters e Mason si imbatterono in un cantante di blues di Cambridge che conoscevano vagamente, Chris Dennis. Dennis stava cercando un gruppo, i Lodgers stavano cercando una voce: l'incontro fu quanto di pi? naturale.

Nel frattempo Syd torn? da Cambridge, dove era andato in cerca di un cantante, con unnuovo nome per il gruppo. Come pazientemente spieg? a Klose, aveva un paio di dischi di due bluesman della Georgia, Pink Anderson e Floyd Council: perch? non mettere insieme i loro nomi? Syd dipinse il nuovo nome, Pink Floyd, a brillanti caratteri rosa sul parafango del loro nuovo furgone. I Pink Floyd iniziarono a suonare nel circuito di feste, pub e politecnici finch? nel '65 Dennis si allontan? e Syd aveva raggiunto maggiore sicurezza come voce solista nelle sue canzoni.

Ma presto fu evidente che si stava determinando una frattura in seno al gruppo.

Klose desiderava che la musica assumesse un approccio pi? tradizionalmente jazzistico, mentre Barret era preso dasgli Stones, dal misticismo e dal sesso.

Immagine

Non pass? molto tempo finch? Klose, seppur amichevolmente, abbandon? i Pink Floyd.

Syd aveva diciannove anni quando fece il primo viaggio con LSD, ma aveva gi? fumato marijuana. Era molto coinvolto in questo genere di sperimentazioni, e nonostante avesse provato l'eroina a vent' anni, l' LSD sarebbe rimasto la sua forma preferita di evasione.



Nei mesi che seguirono le sue intuizioni sperimentali diventarono sempre pi? influenti all'interno dei Pink Floyd

(con Rick Wright al posto di Klose) e la band stava operando un lieve cambiamento nel suo repertorio e nel modo di presentarsi sul palco e stava elaborando un suono nuovo.

Barrett emergeva nel mentre come principale compositore e leader indiscusso del gruppo, componendo un buon numero di pezzi che formeranno l'ossatura di 'The Piper At The Gates Of Dawn' e dei singoli precedenti e successivi all'uscita dell'album. Le composizioni di Syd, infantili, addirittura ingenue, avevano un tratto spiccatamente caratteristico e, comuque, ineguagliato. Chitarrista impulsivo, impressionistico, il suo uso particolare del feedback, dello slide e dell'eco hanno impresso un alone misterioso ed immaginifico al sound live dei Pink Floyd, trasferito in modo perfetto anche in studio.

Nel 1967 il ?News of the world? usc? con un articolo in due parti dal titolo ?L? esperienza psichedelica: divi del pop e droga? , che gettava uno sguardo critico sui light show dei Pink Floyd, ispirati dall?acido.

Il primo febbraio di quello stesso anno i Pink Floyd diventarono professionisti e appena ventisette giorni dopo entrarono nello studio di Sound Techniques di Chelsea dove registrarono il loro primo 45 giri. Il gruppo aveva programmato di registrare sei canzoni e di scegliere le due migliori come lato A e lato B. Furono registrate due canzoni di Barret: " Arnold Layne? e ? Let?s Roll Another?, di cui la prima divent? il lato A. Non solo ? Arnold Layne? mand? i Pink Floyd nelle Top 20 al loro primo tentativo, ma li impose immediatamente quale ?band di grido?.



Il crollo di Syd



Con l?imprevista celebrit? arrivarono i relativi condizionamenti. L?inizio del crollo nervoso di Syd fu rimandato solo di poche settimane ma, perlomeno, per un breve periodo furono momenti di gloria.

A luglio il gruppo, dopo il successo del secondo singolo 'See Emily Play/Scarecrow' fu impegnatissimo nelle registrazioni del primo album e nei concerti che si svolsero sia a Londra che al di fuori della capitale. Fu in questo periodo che iniziarono a manifestarsi i primi sintomi dell'insofferenza barrettiana al music business: successe cosi' che alla trasmissione 'Top Of The Pops' Syd si presento' vestito di stracci e si rifiuto' di suonare. Certamente la tensione della sua posizione lo provo' moltissimo: la sua indole, gia' debole per natura, divenne, in questo momento, particolarmente instabile, visto anche l'uso di allucinogeni.

Il gruppo intanto sforno' il primo album: 'The Piper At The Gates Of Dawn'. Il lavoro, comprensivo di pezzi composti quasi solo da Barrett, ricevette delle buonissime critiche e fu accolto con soddisfazione dal pubblico.



I mesi successivi furono un concatenarsi di eventi che portarono addirittura a pensare ad uno scioglimento imminente dei Pink Floyd: vennero annullate delle date, Syd si rifiuto' ancora una volta di suonare nelle trasmissioni tv e cosi' via. Comunque il gruppo torno' in studio in Ottobre per registrare dei nuovi pezzi. Fu in queste sessions che venne realizzato il terzo singolo, 'Apples And Oranges/Paint Box', prova brillante ma erratica, manifestazione dello stato d'animo di un Syd Barrett sempre piu' estraniato dai suoi compagni e dal mondo intero. Tra l'altro vennero incisi 'Jugband Blues', pezzo di Barrett inserito nel secondo album e 'Scream Thy Last Scream' e 'Vegetable Man', che invece non furono mai pubblicati.

Nella successiva tournee' americana ed europea vi fu il crollo di Syd che a volte non cantava, suonando la stessa nota per lunghi minuti, a volte rimaneva fermo sul palco ed altre volte, invece, suonava in modo pressoche' perfetto. Di qui scaturi' una situazione interna insostenibile che porto' Waters, Wright e Mason a contattare David Gilmour che in un primo momento fu affiancato a Barrett per poi sostituirlo definitivamente a partire dal Marzo del 1968, anche in conseguenza del fatto che il nuovo materiale portato da Syd non era in alcun modo assimilabile data la frequenza con la quale i pezzi venivano cambiati, e visto che ormai dal vivo era molto poco affidabile.




Il periodo solista



In ogni caso Barrett, dopo un periodo particolarmente triste, torno' agli studi di Abbey Road per registrare il primo album solista. Le session continuarono fino a Luglio del 1968, ma furono sospese per nove mesi e ripresero in Aprile 1969 quando, affiancato da Malcom Jones, Syd rimise mano ai propri pezzi e ne aggiunse dei nuovi. Alcuni furono completati da Willie Wilson, bassista nella band di David Gilmour, i 'Joker's Wild', e da Jerry Shirley, il batterista degli 'Humble Pie'. In 'No Good Trying' Barrett fu accompagnato dai 'Soft Machine' Mike Ratledge, Hugh Hopper e Robert Wyatt. Nel mentre Dave Gilmour si interesso' alle sessions e in Giugno propose che fossero lui e Roger Waters a produrre il resto dei pezzi: l'album fu cos? completato in tre giorni. Gli ultimi brani, nei quali l'accompagnamento fu operato da Gilmour al basso, da Shirley alla batteria e da Wright alle tastiere, rimasero privi di ritocchi e sovraincisioni, guadagnando in intensita' e mostrando la condizione non solo musicale, ma anche fisica del Syd Barrett della fine degli anni sessanta.

L'album, 'The Madcap Laughs', fu un trionfo artistico nel quale un Barrett fragile interpreta melodie delicate creando un'atmosfera ipnotica ed eterea. L'album contiene alcuni dei suoi migliori pezzi, tra cui 'Octopus', uscita come singolo, e 'Golden Hair', un poema di James Joyce musicato in maniera sopraffina. Il successo derivato dall'album miglioro' la condizione psichica di Barrett che, accompagnato al basso da David Gilmour ed alla batteria da Jerry Shirley, tenne un concerto all''Olympia Teathre' di Londra, suonando alcuni suoi pezzi estratti dall'album appena uscito.

Nel Gennaio 1970 Syd comincio' le registrazioni del secondo album, 'Barrett', sempre con Gilmour come produttore. Le sessions continuarono ad intermittenza fino a Luglio quando i migliori 'takes', nei quali Syd suonava la chitarra e cantava, furono sovraincisi da Gilmour al basso e da Rick Wright alle tastiere. I pezzi non inclusi nell'album rimasero negli scaffali della EMI fino alla pubblicazione di 'Opel' nel 1988. In ogni caso una parte delle canzoni che comparirono sull'album erano gi? state registrate durante le sessions per 'The Madcap Laughs'.

In questo periodo vi furono delle tensioni tra Gilmour e Barrett in sala di incisione per quanto riguardava la struttura dei pezzi: Syd aveva una concezione molto personale e voleva, come nel periodo con i Pink Floyd, andare oltre lo schema classico della canzone, ma questo gli fu in parte impedito da Gilmour, anche se era comunque abbastanza difficile capire dove intendesse arrivare, visto che la sua condizione psicologica era peggiorata nuovamente.

Successivamente, dopo essere stato ricoverato in un ospedale psichiatrico alla fine del 1972 ed essersi trasferito all''Hilton Hotel' di Londra, Barrett fu visto sporadicamente ad alcuni concerti (Pete Brown lo ricorda in una improvvisata jam session suonare divinamente gli accordi jazz di un pezzo di Annie Ross: 'Doodlin'') ed in altri ambienti artistici.

Syd e' diventato in quegli anni centro di interesse e speculazioni, ma i tentativi di riportarlo a calcare le scene o per lo meno ad una nuova uscita discografica si infransero in una disastrosa prova di registrazione nel Settembre 1974. Ormai la musa splendente del movimento psichedelico britannico si era completamente spenta.

Nel 1975 e' stato fatto di lui un grande affresco dai Pink Floyd nella canzone 'Shine On You Crazy Diamond', inclusa nel vendutissimo 'Wish You Were Here'. E' curioso il fatto che Syd, ingrassato e rasato, si presento' negli studi di Abbey Road proprio quando il gruppo stava ultimando l'album. Le persone presenti stentarono a riconoscerlo. Ricorda Storm Torgherson: " Stavamo riascoltando 'Shine On You Crazy Diamond' nella saletta di controllo. Roger e David stavano cantando il testo su Syd, quando all'improvviso lui entro'! Nessuno lo vedeva da piu' di due anni. Era grasso, aveva un soprabito bianco, scarpe bianche, si portava dietro un sacchetto di plastica bianco ed era rasato in testa: aveva un aspetto incredibile! Dov'era stato per cosi' tanto tempo? Come aveva fatto a piombare li' improvvisamente proprio mentre stavano eseguendo quella particolare canzone? ".

Gli anni successivi hanno visto Syd tra Londra e Cambrige in uno stato psichico sempre piu' o meno buono. E' stato ricoverato in una clinica psichiatrica nel 1982 ed e' stato rimasto oggetto di grande interesse da parte dei gruppi musicali (tante sono state le covers dei suoi pezzi) e delle riviste musicali.

Nel 1988 e' stato pubblicato 'Opel', album comprendente tutto il materiale delle sessions del periodi 1968-1970 non pubblicato, assieme ad outtakes di pezzi gia' editi. Questo lavoro ha accresciuto la sua reputazione ed evidenziato la meravigliosa vena compositiva dell'artista in pezzi che, come 'Opel', stranamente non trovarono posto in 'The Madcap Lughs'. Barrett ha dato il suo assenso alla pubblicazione dell'album ed e' girata la voce che abbia ripreso a dipingere.

Ora vive a Cambridge una vita tranquilla e lontana dai riflettori, senza alcun obbligo e con la volonta' di rimanere lontano dagli altri immerso nei suoi pensieri. Nel 2001 ? stato pubblicato il suo best of " Wouldn' t You Miss Me".

Immagine

Discografia



45 GIRI

Arnold Lane / Candy and a Currant Ban (Pink Floyd, marzo 1967)

See Emily Play / Scaerecrow ( Pink Floyd, giugno 1967)

Apples And Oranges /Paint Box ( Pink Floyd, novembre 1967)

Octopus / Golden Hair ( Syd Barret, novembre 1969)



DISCHI

The Piper At The Gates Of Down ( Pink Floyd, agosto 1967)

Astronomy Domine - Lucifer Sam - Matilda Mother - Flaming - Pow R Toc H - Take Up Thy  

Stethoscope And Walk - Interstellar Overdrive, The Gnome- Chapter 24- Scarecrow- Bike



A Saucerful of Secrets ( Pink Floyd, giugno 1968)

Include Jugband Blues





                    Ummagumma (Pink Floyd, giugno 1968)

                             Include la versione dal vivo di Astronomy Domine



The Madcup Laughs ( Syd Barret, gennaio 1970)

Terrapin - No Good Trying - Love You - No Man' s Land - Dark Globe - Here I Go - Octopus -

Golden Hair - She Took A Long Cold Look - Fee 1 - If It's In You - Late Night





Barret ( Syd Barret, novembre 1970)

Bab- Dominoes - It Is Obvious - Rats - Maisie - Gigolo Aunt -Waving My y Lemonade - Love song

Arms In The Air/ I never lied to you - Wined And Dined - Wolfpack - Effervescing Elephant



Relics ( Pynk Floyd, maggio 1971)

Antologia che comprende Arnold Layne ,Interstellar Overdrive ,See Emily Play e  Bike





A Nice Pair (Pink Floyd, dicembre 1973)

Doppio album che raccoglie gli album The Piper At The Gates Of Down e A Sucerful Of Secrets

           



                   Masters Of Rock ( Pink Floyd, 1974)

                          Compilation pubblicata solo in Europa che include: Chapter 24, Matilda Mother, Arnold         Layne,

                        Candy And A current bun, Scarecrow, Apples And Oranges, Paint Box, See Emily Play



Syd Barret ( Syd Barret, settembre 1974)

? la raccolta doppia di due dischi solisti: The Madccap Laughs e Barret







Works ( Pink Floyd, 1983)

Antologia edita solo in America che include Arnold Layne e See Emily Play





Syd Barret. The Peel Session (EP di Syd Barret, febbraio 1988)

Terrapin - Gigolo Aunt - Baby Lemonade - Two Of A KInd - Effervescing Elephant





Opel ( Syd Barret, ottobre 1988)

Opel - Clowns And Jugglers - Rats - Golden Hair - Dolly Rocker - Word Song - Wined And

Dined -Swan Lee - Birdie Hop - Let's Split - Lanky( part 1 ) - Wouldn't You Miss Me - Milky



Wouldn't You Miss Me? The Best Of Syd Barret ( Syd Barret 2001,)

E' il bestof di Syd che include anche Bob Dylan Blues


Immagine
Ultima modifica di carlo il 11/09/2010, 15:35, modificato 1 volta in totale.

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

Syd Barret

Messaggio da leggere da kurtz » 16/09/2004, 17:51

NOOOOO, MI SONO ACCORTO SOLO OGGI CHE AVEVI APERTO UNO SPAZIO SU SYD!!!!!! GRANDE!!!!!!!

lo gi? scritto altrove, per me questo signore ? veramente un genio... uno dei pochi capace di creare una dimensione lirica e originale con una musica semplice e intensa (da solista) e spaventosamente sperimentale (coi Pink Floyd)
E' un peccato che in molti non conoscano l'arte di questo personaggio, troppo spesso offuscata da ingrati luoghi comuni tipo: 'ah, quello che ? impazzito', 'il chitarrista drogato dei Pink', ecc...

per quanto riguarda la sua produzione ho tutto tranne il pezzo 'bob dylan blues'!

onore a Syd! e pollice verso per i Floyd che da the WALL in poi non si sono proprio regolati!

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da carlo » 16/09/2004, 19:07

Syd ? un genio, uno dei miei musicisti preferiti, forse lo metto secondo solo al verio genio del secolo scorso...
Frank Zappa
io di lui ho preso il cofanetto con i tre album, uno meglio dell'altro, ha fatto tutto da solo...
I primi pink floyd, quelli veramente di un altro pianeta, erano veramente basati su di lui.

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da DevilMaster » 16/09/2004, 21:27

Grande Carlo!!! Con questo special su Syd la Discoteca di nuoviautori fa un deciso salto di qualit?. :) Pezzo veramente molto interessante. L'hai scritto tu o l'hai preso in giro per la rete?
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da carlo » 17/09/2004, 0:47

l'inizio l'ho scritto io, il resto ? un mix di due bio trovate in rete, una non parlava della parentesi floydiana...
avevo trovato una chicca st'estate ma non l'ho postata, ora vedo se la ritrovo...

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

R: Syd Barret

Messaggio da leggere da carlo » 17/09/2004, 0:52

ragazzi, vi prego, un attimo di raccoglimento...

Immagine

Immagine

Immagine


certo, se pensi che lui era

Immagine

c'? una bella differenza, ma mi danno per certo sia lui....

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da DevilMaster » 17/09/2004, 4:24

Hey...i veri artisti non rendono conto a nessuno. Per quello che penso io: w syd barret. Non mi mette tristezza vedere quelle foto. Intanto...lui c'? ancora. E' solo uno dei pochi che... ? stato coerente con se stesso. Spero di essere coerente come lui perch?, di base, mi fate schifo. Lo so che ? un concetto forte, ma ? la verit?. In queste frasi tutti, e nessuno, ci possono leggere quello che vogliono...ma ? quello che penso. Syd ha fatto una scielta. Un drogato? Un debole? Ok...quello che volete...ma almeno ? stato coerente. Tanti pensieri non si possono spiegare.Sono parte di una storia che va vissuta. secondo me, alla fine, ha vinto lui. Nessun compromesso, nessun passo indietro. E' un mito e, quando morir?, per la prima volta pianger? per qualcuno che non conosco di persona.
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da carlo » 17/09/2004, 12:17

io piansi per frank zappa! non sai quanto mi era dispiaciuto...
su syd pienamente daccordo con te, infatti non intendevo dire: "guarda com'? ridotto", che mi fa pi? pena gilmour, ma "guarda come passa il tempo".
Inoltre io ste foto non le avevo mai viste, pare sia raro saperne qualcosa negli ultimi anni...

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

R: Syd Barret

Messaggio da leggere da kurtz » 18/09/2004, 12:03

syd se ne sta a cambridge tranquillo tranquillo godendosi la vita a modo suo... la musica non lo interessa pi? e, a quanto leggo, credo che preferisca dipingere! la citt? lo lascia vivere in pace e il diamante pazzo continua a splendere lo stesso.... che dire? Quelle foto rivelano il personaggio attuale e lo rendono ancora pi? umano e...bambino!

Avatar utente
carlo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 26/09/2003, 1:02
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da carlo » 12/07/2006, 12:47

Ciao Syd.... ff4efgedgw

kurtz
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/01/2004, 16:26
Località: Roma

Syd Barret

Messaggio da leggere da kurtz » 12/07/2006, 18:31

:(

Avatar utente
DevilMaster
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2363
Iscritto il: 03/05/2004, 17:04
Località: Roma
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da DevilMaster » 13/07/2006, 18:55

fecatg4wvtgfd
WebMaster di

Riflettendo sul "teorema":
- Domani è un altro giorno... -
mi trovo a scontrarmi con la dura realtà....
Ieri,
come del resto oggi,
non c'è stato.

Avatar utente
Michele Nigro
Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Messaggi: 227
Iscritto il: 03/10/2006, 19:27
Contatta:

Syd Barret

Messaggio da leggere da Michele Nigro » 03/10/2006, 19:29

mitico!
"Tra i deboli di stomaco ci sono la gran parte degli abitanti delle città e quasi tutti quelli che amano le lettere." (Celso)

"ESPERIMENTI" raccolta di racconti di Michele Nigro. Per ordini: ilmiolibro
"LA BISTECCA DI MATRIX" pamphlet semifilosofico e decostruttivista di Michele Nigro. Per ordini: ilmiolibro

Ubik
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Messaggi: 2
Iscritto il: 03/03/2006, 3:32
Località: L'Aquila

Syd Barret

Messaggio da leggere da Ubik » 24/10/2006, 22:41

l'ho fatto, ho letto il pezzo su syd, carlo ;)

ora è andato per sempre aldila del muro

io vedo un grande concerto nel cielo ed è
in suo onore
o ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
E' tempo di morire

Rispondi