Pagina 137 di 154

REALTA' SURREALE

Inviato: 23/08/2017, 2:55
da michael santhers
La luce,fendente nella notte
il pilota accelerava la moto
per non farsi sorpassasse
dal rombo assordante del motore
poi rallentava
per paura d'arrivare presto a casa
atteso a cena dai ricordi

Una volpe gli tagliò la strada
e nell'impatto s'azzerò la memoria
ritornò bambino
s'innamorò della babysitter
che gli insegnava a camminare
ma un giorno la chiamò mamma
e sorridente volò in cielo

Qualcuno scrisse
che aveva visto due angeli su una moto
zigzagare tra le stelle
e poi parcheggiata sulla luna
ove ancora visibile l'ombra del telaio
trespolo delle ali
additate da curiosi
che di volta in volta
aggiungono particolari

C'è solo un cuore di un amore
che vede nell'infinito una palla
gialla trasparente
racchiudere lo scheletro abbandonato
del dolore vivo ...a terra
-----------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

CADE DAL CIELO IL PITTORE

Inviato: 25/08/2017, 2:13
da michael santhers
Notaio del declino,l'autunno
assegna il tempo agli specchi
e a qualcuno fuori testamento
spettano solo rughe
e non si consola a dire
meglio di niente

L'autunno,sala d'aspetto
per un consulto sugli anni persi
e di quanti a venire a sostituirli
e le prime fitte di freddo
attrito al fulcro di bilancia
falsata da pensieri
che cadono e s'involano
per lasciare l'indice a zero

L'autunno un pittore
caduto dal cielo
a dipingere il declino
rifiutato dagli occhi
e a rinsavirli al reale,
i volti a tavolozza
si mischiano
ai subbugli dell'anima
------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com

VENTUNO SETTEMBRE

Inviato: 26/08/2017, 2:51
da michael santhers
I capelli,in autunno
si fanno rapire dal vento
stanchi di nutrirsi di sudore
e veleggiano sulle foglie
per sfuggire alla malinconia

I denti drogati di sorrisi estivi
scricciolano alle leccornie
s'alleano ai pensieri cupi
aprono varchi a parole soffiate

Le ciglia scattano foto
da appendere alla bacheca
satura degli occhi
dorsi di specchi

Direttori di atelier i nasi
vestiti a termometri
convocano cappotti
e li mettono in panchina
pronti a sostituire un maglione
bucato da lame di freddo
o da un'unghia sfuggita
a una rude carezza

Mosse da nervi disertori
le dita si schierano a mano
pronta per un saluto
anche se non corrisposto

Gomme e matite
i tronchi degli alberi
disegnano e cancellano
fossi e radure
su schiene d'animali
mappe a fauci e sonno

Il ventuno settembre
una dogana anche per gli amori
tremanti al dubbio
dei timbri dei cuori
oltre al valico, spesso
clandestini si separano
-----------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com

GRANELLI DI SABBIA

Inviato: 30/08/2017, 1:47
da michael santhers
Un tempo i granelli di sabbia
era enormi massi
messi dalle stelle
su desideri bocciati, a tacitarli
ma questi così indomiti
e senza pace li rosicchiarono
fino a consumarli
e consumarsi
poi il vento li accatastò
nel cimitero delle dune
fragili mausolei
in eterno restauro
e ogni tanto un cuore
scrive con un dito
sulla fragile facciata
..ti amo..
come a dire
lavori in corso
-------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

IL LAMPIONE

Inviato: 30/08/2017, 2:42
da michael santhers
Annaffiato da un cane
vede una borsetta
che cambia con forza padrone
a cui fa ombra sgorbio che fugge

Frigge nebbia,
grosso dito
oscilla a diniego
al non senso

Occhio di polifemo
vede tutto e non può raccontare

Trespolo a un gufo
svela presagi
abbaglia trame
fa occhiolini d'intesa
bagliori d'arrivederci
e intermittenze d'allerta

Timer d'addii
e scintille d'incontri
reggi schiena d'indecisi
aspetta il giorno
e Ponzio pilato
a giornalisti e gendarmi
forse un giorno testimonierà
a una telecamera
o a un amore bruciato
-----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

PRIMA PIOGGIA DI FINE ESTATE

Inviato: 03/09/2017, 1:43
da michael santhers
I cervelli sirinfrescano
e ripassano dove hanno sragionato
ma il pentimento non arriva

Le foglie si raddrizzano
e quelle che non ce la fanno
espulse senza commiato

L'asfalto bolle impronte di copertoni
e qualche raggio di sole le pasteggia
insieme a un corvo che becca
l'ultimo aculeo di riccio incollato

Vecchi croccanti manifesti di cantanti
con più anni che capelli
spugnosi s'arricciano
e qualche lettera mostra il dorso
storpia un nome,deride la foto

La terra riprende l'orma delle zampe
e gli animali in nuova algebra
arrotondono respiri e cifre

La pioggia premio del cielo
e per farlo apparire tale
lo confronta al presente
con vecchie punizioni
altrimenti dimenticate

Il vento separa gli odori
fritti dalla calura
e ognuno ritorna al suo menù
ove il sugo è sempre il sangue
nel recipiente delle colpe
---------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

CERTE CASE

Inviato: 05/09/2017, 1:28
da michael santhers
Certe case pacchiane di ricchi
ove sol'intento è stupire
hanno atmosfere d'arraffi
e di troni festeggiati a pernacchie,
misti arredi antichi e moderni
con la storia nel baratro
e i padroni esacerbati a costruire
ponti d'elogi

Dietro cancelli di cupidigia
certe case lucidate, pulite
da cameriere Filippine
pagate a ore ma in nero
sembrano cliniche
dove l'ordine mette in fila il dolore
e i mobili scacchi
a scoraggiare le mosse
mentre alle pareti, quadri
che valgono e basta
e ad appenderli difficile
trovare verso giusto del gancio

Certe case di povera gente
trasudano storie d'avi e fatiche
con oggetti narranti
accalcati con garbo
e dovizie in miraggi
ognuno ha uno o più cuori
a osservarli pulsano ancora
a toccarli cullano dita
alle fossa scavate dai calli
e si vede ancora la pista da ballo
ove danzarono armoniosi
sorrisi e miserie
tra sogni e applausi di bimbi
-----------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

OSSERVAZIONI IN INSONNIA

Inviato: 07/09/2017, 2:10
da michael santhers
Il cielo fitto di presagi
prato nero della luna
a volte sradicato dalle stelle
che calciano imprechi di amori fasulli

Certe sere
quando la pace somma d'armistizi
e il bene e il male guerci si spiano
per carpire i punti deboli
la luna spia le finestre degli amanti
le cui ombre tremanti raddoppiano le colpe
e fuse in unisoni spergiuri
poi eccitata s'ovalizza e si rattrista
per le continue promesse false del sole
e va in cerca di una nuvola consolatrice

Abbaiano i cani col pelo ribelle
e l'eco metallico li minaccia,
impauriti vanno a cuccia,
ringhiano al minimo fruscio
si leccano le labbra sfibrate
sognano una mano e un osso
e una parola ripetuta, a promuoverli

Nel pollaio il gallo canta
per sospendere le trame,
la volpe spergiura a ritentare
il riccio testa gli aculei su un copertone
e il progresso boccia la prova
non la scrive sugli annali,
s'affrettano i corvi in livrea
a cancellare tracce ai giornali del bosco

Una campana impazzita
allarma smemorati delle colpe
incita i segugi del lunario
e al black out le lucciole in battaglia
------------------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

IN CERTI POSTI (Molise)

Inviato: 09/09/2017, 2:25
da michael santhers
Esca di facce sorridenti
sulla propria coda trasparente
e ruotare fino alle traveggole
per prenderla o solo afferrarla
a confermarsi l'esistenza
anche sapendola solo trappola
è questo l'unico vivere
in certi posti,avanzi di geografia
e la morte un riscatto a cottimo
-Nei cimiteri volti di tagliole
reumatiche preghiere spifferate
e fiori di formaggio
croci d'aria sulla lavagna del tempo
-qualche vago amen a dono
di un Americano alla sua terra
-----------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

CORMORANI

Inviato: 10/09/2017, 3:35
da michael santhers
Nel cielo disegnano una freccia
ma dietro c'è n'è uno fuori geometria
vecchio e appesantito
trasporta un pesce
per corrompere una nuvola
a non bagnargli le piume

Volo cadenzato
con virate a intuito
punte da aghi di freddo
sonde d'autunno
per insidiarsi

Vanno in luoghi miti
ma accolti dal piombo dei fucili
perchè mangiano troppi pesci,
la morte è sempre convenienza per qualcuno
e a nessuno interessa
lo stupore del poeta
aspirante pensionato
che vede nel volo libertà
metafora e illusione
interrotte dal fucile
e dall'INPS coi suoi bocconi
di tempo avvelenato
col rimando al baratro
-----------------------------------------
Da.Soste Precarie
www.santhers.com